mar24th

Intervista a Giampaolo Giuliani, al suo Radon e al suo Precursore sismico (di Roberta Galeotti)

Prevenire un terremoto si può…
Giampaolo Giuliani, tecnico di laboratorio presso l’INFN dei Laboratori del Gran Sasso, come Le è venuta l’idea di realizzare uno strumento in grado di prevedere le scosse sismiche?
Nel 2001 stavamo osservando il misuratore di particelle cosmiche presso l’Istituto quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo una quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon. Così ho impiegato quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l’aiuto di un sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in corrispondenza di un evento sismico. Nel 2002, ad esempio, in corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100 volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava più di 50 km da L’Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa la collocazione o la direzione dell’evento stesso. Oggi con 5 precursori saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i segnali di concentrazione del radon.
2 – Che cos’è il radon?
E’ un gas nobile ed è il gas più pesante che esista. Non interagisce con altre sostanze, quindi esce dalla crosta terrestre e si stratifica fino a 10 centimetri da terra, essendo così pesante ed a causa della pressione atmosferica, non riesce ad alzarsi di più. E’ il killer delle cantine non areate in quanto se respirato in quantità elevate porta il cancro ai polmoni: l’atomo di radon ha una vita media di 3,8 giorni e nel suo decadimento produce due isotopi, il Piombo-214 ed il Bismuto-214, che decadendo beta rilasciano radiazione gamma. I gamma inalati si fissano ai polmoni, ai bronchi ed al pancreas annichilendo questi stessi organi! Quando c’è un evento sismico, per esempio, la quantità di radon presente nei locali che ospitano gli strumenti è talmente alta da essere dannosa e sono costretto ad aspettare almeno un giorno per accedervi.

3 –Ci spiega la sua invenzione, la sua creatura? Che cos’è un Precursore sismico?
E’ uno strumento in grado di rilevare il radon e di evidenziarne le modifiche di concentrazione. Il precursore sismico permette di monitorare i territori e, attraverso la variazione di concentrazione del radon, permette di prevedere un evento sismico con un anticipo variabile dalle 6 alle 24 ore e una efficienza maggiore dell’80%. Ora disponiamo di 5 stazioni che ci consentono di triangolare i dati ottenendo con precisione l’epicentro ed il grado sismico dell’evento. Attraverso questa macchina ho potuto studiare il comportamento del radon e conoscerne delle caratteristiche non note alla scienza ufficiale perché sprovvista della tecnologia da noi utilizzata. I 5 Precursori sismici si trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell’INFN), presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3 metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente sovrapponibile.

4 – Cosa ci può dire dello Sciame sismico che dal 16 gennaio scorso interessa la città e spaventa i suoi abitanti?
Attraverso il Precursore sismico abbiamo potuto riscontrare, in questi 9 anni di studio, che il territorio di L’Aquila è interessato ogni anno nello stesso periodo da uno sciame sismico, non intenso e, per questo, in genere non percepito dalla popolazione. Quest’anno questo sciame sismico è stato più intenso e con delle scosse più forti, che sono state rilevate dalla popolazione. Lo sciame non è un fenomeno preparatorio ad un evento sismico più rilevante, né ha correlazione con grandi piogge o nevicate, come ho sentito dire da molti. E’ un fenomeno normale per una zona come quella di L’Aquila.
I dati ottenuti in questi 9 anni di studi, ci hanno consentito di rilevare un rischio sismico maggiore nel periodo invernale che va da novembre ad aprile. Senza voler banalizzare, ma per semplificare i concetti, posso aggiungere anche che l’attività sismica è strettamente correlata alle fasi lunari. In particolare quest’anno, il sistema Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio (Punto più vicino al Sole, in Inverno) con la Luna nello stesso periodo alla minima distanza dalla Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in fase di Venere piena anch’essa vicina. L’attrazione gravitazionale delle masse sulla Terra hanno intensificato l’effetto marea sul nostro pianeta, rendendo gli eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri sciami, cui siamo stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.

5 – Come si pone la scienza ufficiale nei riguardi della sua invenzione?
Mi osserva con interesse … una parte mi da fiducia, come dimostra anche il Direttore dell’INFN che mi ha messo a disposizione un locale per ospitare uno dei 5 Precursori sismici; una parte è un po’ più cauta e scettica. Nel 2005 ho tenuto un seminario presso l’INFN a cui hanno partecipato quasi 100 scienziati, alcuni esperti di geofisica altri di particelle cosmiche. In quella occasione ho presentato il rivelatore di radon, ho rivelato i dati che dimostrano l’efficienza dello strumento ed ho dimostrato la correlazione tra l’allarme generato dal Precursore e l’evento sismico.

Questo articolo è stato inserito martedì, marzo 24th, 2009 alle 1:52 am ed è contenuto in Interviste, Medicina e scienza. Puoi seguire i commenti aggiunti sul RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento qui, o un trackback dal tuo sito web.

171 commenti a “Intervista a Giampaolo Giuliani, al suo Radon e al suo Precursore sismico (di Roberta Galeotti)”

  1. luciano Says:

    potrebbe esistere una correlazione tra i terremoti di sulmona e l’aquila? è possibile che ci sia del vuoto sotto la piana di navelli che divide le due città? la ringrazio per una eventuale risposta.

  2. Nara Says:

    Grazie Roberta Galeotti, che dai voce al Dott. Giuliani e alla sua splendida ricerca.
    Nella sua logica e ingegnosa semplicità, è riuscito a realizzare questa grandiosa scoperta.
    Mi appello alla sua professionalità di giornalista, a perseverare nel dare spazio ad ogni evento che il Dott. Giuliani ritiene rilevante.
    Non mollate, avete tutta la ns. stima e ammirazione… e siamo in tanti!!!

  3. L'AquilaNelCuore Says:

    Ho letto su un articolo che il prof. Giuliani pubblica gli allarmi per terremoto imminente su un sito: noi aquilani riceviamo notizie in ritardo col passaparola. Sapete quale è questo sito? Le autorità ovviamente e giustamente poichè queste ricerche non sono ancora nella scienza ufficiale, smentiscono. Ma nel dubbio… grazie anticipatamente

  4. paola Says:

    molto interessante.

  5. Lory Says:

    Salve…siamo tre studentesse del’Aquila, volevamo complimentarci con il Dott.Giuliani per la sua geniale scoperta. Qualcuno potrebbe fornirci il sito in cui il prof.pubblica gli allarmi per il terremoto in tempo reale?Date le frequentissime scosse, ci sarebbe di conforto!!! Grazie in anticipo

  6. alessandro Says:

    Sono dell’Aquila, ringrazio il Dott. Giuliani per quello che ha fatto negli anni e per quello che sta facendo oggigiorno con la sua ricerca! Ho piena fiducia in lui e nella scienza e non cambierò certo opinione leggendo sui vari giornali le accuse, che in questi giorni, sono a lui rivolte!

  7. pablo Says:

    si a quanto pare ci aveva preso…

  8. Michael Surace Says:

    Sto subendo, come tanti italiani del centro Italia, il terremoto PREVISTO dal dr. Giuliani, a cui molti ora devono delle scuse.

    Se in Abruzzo non gli credono, puo’ venire tranquillamente a lavorare in Umbria visto che anche da noi c’e’ ne e’ molto bisogno di persone come lui!

  9. “L’imbecille” che prevedeva i terremoti « aghost Says:

    [...] messo a punto un metodo col quale è in grado di prevedere i terremoti con 6-12 ore di anticipo. Questo sistema si basa sulle rilevazioni di un gas, il radon, che fuoriesce dal terreno prima degli eventi [...]

  10. mario Says:

    Come preannunciato è successo..Dott. Giuliani adesso si faccia sentire,visto che le hanno dato del ciarlatano e volevano denunciarla per procurato allarme…Questa è l’Italia purtroppo non si ha il coraggio di dare fiducia a gente come lei.. In me troverà tutta la stima e la fiducia che posso offrirle e mi auguro di cuore che il suo proggetto si possa espandere a macchia d’olio su tutto il territorio Italiano e il resto del mondo, cosi si metterà fine a tutte queste morti innocenti…Ps io sono del molise e il mio caro amico ha perso due gemelli a San Giuliano.. Mi auguro di gran cuore che la sua scoperta faccia si che questi lutti non avvengano più….

  11. a Says:

    l ultimo commento e’ stato fatto alle 12,15 del 6 aprile… meno di 3 ore dopo c’è stato il terremoto…. volevo far notare come le grandi menti nn vengono mai apprezzate… quando si tratta della massa viene sempre detto che nn vi è pericolo fino a quando le catastrofi non sono avvenute… RAGAZZI APRIAMO GLI OCCHI, se lo avessero ascoltato a quest’ ora molti si sarebbero salvati!

  12. carlo pintaudi Says:

    credo che le “profezie” del Dott.Giuliani si siano avverate!ringrazio ed invito il dott.re a continuare i suoi studi!

  13. Davide Says:

    sicuramete una prospettiva interessante ed importante
    ma cose tipo

    ” il Piombo-214 ed il Bismuto-214, che decadendo beta rilasciano radiazione gamma. I gamma inalati si fissano ai polmoni, ai bronchi ed al pancreas annichilendo questi stessi organi!

    sono un po’ delle boiate. Prima di pubblicarle basterebbe fare un controllino di 2 minuti…altrimenti mi spiegate come una radiazione gamma (un’onda elettromagnetica) si fissa ad un organo

  14. Rodolfo Says:

    Caro Giuliani,
    non dirò nulla nel merito ché con il senno di poi è facile. Ma le do un consiglio: si trasferisca, vada ad interessarsi della faglia di S.Andrea, noi non la meritiamo.

    Auguri

  15. Pierinux Says:

    Avrei una domanda su questa esposizione che per il resto è chiarissima. In che senso i raggi gamma sono “dannosi se inalati” ? I raggi gamma sono fotoni, raggi di luce per intenderci, e viaggiano alla velocità della luce. Come possono essere “inalati” o addirittura “fissarsi” agli organi ? Notoriamente un fotone (che non ha massa) deve viaggiare, se si ferma non esiste più.

    Questa imprecisione è un difetto della trascrizione dell’articolo o è presente nell’esposizione originale ?
    Grazie

  16. franco Says:

    DOPO QUESTA GAFFE IL SIG bERTOLASO ( E NON è LA PRIMA VOLTA) SI DOVREBBE DIMETTERE

  17. Mauro Alessandrini Says:

    Io non sono una donna,ma massima solidarietà a quest’uomo che è stato dileggiato sa quel grand’uomo di Bertolaso, invece aveva ragione.Come sempre in Italia si da credito alle persone sbagliate,mai agli esperti.Vincono i media.

  18. NINO Says:

    togliamo i soldi dal mega stipendio di bertolaso e dai politici e finanziamo giuliani per le ricerche

  19. nicola guatteri Says:

    è mia opinione che chi abbia intelligenza per sè e per gli altri la debba nascondere, perché chi si trova al potere ci vuole rimanere con tutta la sua infelice, ed a volte criminale, mediocrità. ho sentito come ha parlato alle ore 13 del 6 Aprile un certo prof. addetto ai lavori… e non voglio ripetere ciò che ha detto. Ma non ha detto affatto che finora non è stato possibile prevedere i terremoti ma che non si può escludere che lo si possa fare in futuro.
    Ci voleva troppa modestia! Comunque, bravo Giuliani!

  20. Brunella Galante Says:

    NON HO PAROLE!!! C’è un ministro che ha le mani sporche del sangue di molti bambini!!! A quando le dimissioni? A quando una spiegazionedel governo?
    Brunella Galante

  21. Patrizio Says:

    Tutta la mia solidarietà e sincere congratulazioni al Dott.Giuliani,con l’augurio che le sue ricerche,i suoi studi e il suo lavoro possano in futuro risultare un grande servigio reso all’umanità.Coraggio,le nuove idee vengono sempre osteggiate dai conservatori oltranzisti,vedi Galileo e Giordano Bruno.

  22. cesare Says:

    Sono in parte concorde con quanto detto, ma mobilitare intere zone nel raggio di 100 km dal luogo di emissione radon non è cosa facile e soprattutto per quanto tempo? Non è solo Bertolaso a dire ciò che ha detto, ma anche americani e giapponesi che invece costruiscono con criterio tutto, dalle case, agli edifici pubblici e ai ponti. senza speculazioni, ma sembra di ripercorrere quanto scritto 100 anni fa dopo messian e reggiodaccordo

  23. cialtrone Says:

    ***Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.***

    complimenti vivissimi

  24. Monica di Ortona Says:

    Credo nella ricerca e do valore a quanto fatto dal dott Giuliani……però penso che dare informazioni su una catastrofe imminente come il terremoto di stanotte, senza avere una certezza temporale dell’ evento, vuole significare CREARE IL PANICO ED UN ALLARMISMO INCONTROLLABILE …………………….

  25. Alessandro Says:

    “C’è un ministro che ha le mani sporche del sangue di molti bambini!!! A quando le dimissioni? A quando una spiegazione del governo?”

    Scusa, ma secondo te esiste una macchina straordinaria che permette di annullare un terremoto se individuato per tempo?
    Per quale motivo una persona dovrebbe avere le mani sporche del sangue di alcuni bambini? Le tue sono accuse gravi.
    Il terremoto c’è a prescindere, la protezione civile può solamente attivarsi per tempo quando avviene (ed era già in allerta).
    Se il sistema al radon funziona veramente non so, attendiamo maggiori studi e finanziamenti, ma mi pare che la previsione originaria fosse per domenica scorsa, non per oggi: che si sarebbe dovuto fare allora, evacuare tutta la popolazione dell’Aquila per una settimana attendendo che arrivasse il sisma? Non sputiamo subito sentenze tanto velenose.

  26. Luigi Ghezzi Says:

    Grazie a Giampaolo Giuliani per la sua modestia e perseveranza! Mi auguro che resti in Italia e non sia costretto a fuggire anche lui all’ estero come tanti di noi. Purtroppo sono i vari Bertolaso che non sono mai incentivati ad emigrare dove dovrebbero lavorare seriamente o morir di fame.
    Luigi Ghezzi

  27. Max Says:

    Dall’intervista

    “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.”

    non credo, ahimè, ci abbia azzeccato molto………

  28. Blog | Made in Italy » Blog Archive » Prevedere i terremoti o adeguare gli edifici? Says:

    [...] potuto ricostruire , il primo tra i recenti interventi di Gioacchino Giuliani è stato questo, su Donne Democratiche, il 24 marzo. Qui Giuliani dice: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in [...]

  29. Giovanni Says:

    Brunella Galante, apprezzo il tuo intervento. Anch’io sono daccordo con te. Il ministro doveva dare ascolto allo scienziato che aveva predetto il terremoto. Al suo posto avrei evaquato l’intero territorio, fosse stato per giorni, settimane o mesi… o anni, chissenefrega…. forse non l’ha fatto perchè la cosa lo avrebbe ridicolizzato… o forse perchè era impossibile…. Chissà perchè le famiglie non hanno abbandonato le abitazioni pur avendo avvertito forti scosse poche ore prima?
    Tutto questo sarebbe ridicolo se non fosse tragico. Sciacallaggio.

  30. antonella Says:

    Bertolaso è lo stesso che dopo la prima scossa di terremoto in Umbria disse che non ce ne sarebbe stata una seconda? aveva rassicurato che non ci sarebbe stata una scossa a L’Aquila… no comment

  31. Diary » …andrà scemando con la fine di marzo. Says:

    [...] Qui mi limito a segnalare l’intervista che il ricercatore ha rilasciato il 24 marzo scorso a donnedemocratiche.com nel punto in cui dice: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo [...]

  32. Mariuccio Says:

    —-alessandro….si sarebbe dovuto fare allora, evacuare tutta la popolazione dell’Aquila per una settimana attendendo che arrivasse il sisma?—-

    Io credo di si sarebbe costato molto meno sia in termini economici sia e sopratutto in termini di vite umane! è vero che è difficile dire si hai ragione sfolliamo 50mila persone perchè se le sfolli e non succede niente te la prendi con lui che ha fatto la previsione, se li sfolli e succede il terremoto bravo chi ha preso la decisione su poche prove ed ha rischiato per tutti se va come è andata, si dice come si sta dicendo che era impossibile prevederlo!! bravi tutti!!!!

    sapete che differenza c’è tra un operaio che guadagna 1.200€ al mese ed una che ne guadagno 12.000?? che quello che ne guadagna 12.000 deve avere le palle per assumersi responsabilità che nessuno può assumersi, rischiare di fare figure di cacca per decisioni impossibili, è una roulette ma si guadagna tanto per questo, se non si hanno le palle per prendere decisioni difficili se non impossibili basta dirlo e basta alzare il culo da quella sedia!

  33. Giancarlo Ruffini Says:

    I soliti esperti..del nulla, vedi Bertolaso, a sputare sentenze, mentre i ricercatori seri, come il prof.Giuliani, vengono dileggiati.
    E’ curioso che il Prof: Giuliani lavori presso il Centro Nazionale di Geofisica del Gran Sasso, ma poi, quando scopre qualcosa, viene addirittura denunciato dai “sapientoni” ufficiali.
    Se i ricercatori seri avessero un po’ più di possibilità economiche per sviluppare le loro ricerche, non dico che non ci sarebbero più terremoti e catastrofi varie in giro per il mondo (magari fosse così!!), ma potrebbero sensibilmente diminuire il numero delle vittime di queste catastrofi. E invece – commento del TG1 delle ore 13,00 di oggi 6 Aprile- il gran trombone Prof: Boschi spiega che il terremoto non è avvenuto a Sulmona, come aveva previsto il Prof.Giuliani e non si poteva evacuare l’intero paese e quindi – implicitamente conclude- è giusta la denuncia nei confronti del Prof.Giuliani per “procurato allarme”.
    Ma l’esismio Pro Boschi non sa che un terremoto non è circoscritto ad un paese ma si estende per parecchi km?? O ci vuole far passare per ignoranti nei confronti di “loro luminari??”

  34. Andrea Says:

    Ci è andato vicinissimo.
    con gli apparecchi rudimentali che si è costruito.
    Mettiamolo in condizioni strutturali ottimali.
    Dopo ne riparliamo.

    L’italia è un paese di bigotti.

  35. LUCA Says:

    La cassandra di Marzo purtroppo è diventata l’oracolo di Delfi in aprile.
    Coraggio “aquilotti” soprattutto a tutti coloro che hanno perso una Persona a loro cara, perchè le case si ricostriscono. Un caldo Abbraccio

  36. Bruno Brasi Says:

    E’ vero… Giuliani all’epoca dell’intervista tranquillizzava i suoi concittadini. Poi pero’ il 29 marzo prende il telefono e chiama il sindaco di Sulmona avvertondolo di un sisma apocalittico che deve accadere. Evidentemente il 29 i suoi strumenti devono aver rilevato un’attivita’ sismica assolutamente fuori dalla norma! Nessuno gli crede e si becca una querela. Purtroppo si e’ sbaglato di una settimana. D’accordo, non si puo’ tenere la popolazioni in stato di costante allarme, ma evidentemente il metodo di Giuliani e’ in grado di fornire previsioni abbastanza accurate (per lo stato delle conoscienze attuali). Qualcuno gli vuole dare fondi cosi’ fra 20 – 25 anni magari avremo un metodo accurato, che segnali terremoti in anticipo di qualche giorno?

  37. Riccardo Says:

    Conosco di persona Giampaolo e vi posso dire che è normale che in una nazione dove è normale essere superficiali dia fastidio avere persone che non lo sono. I dati sono quello che sono, i fatti però sono questi!! Dolore e distruzione!!!!!! Forza e coraggio Gianpaolo!! Non mollare!

  38. Per non piangere poi .. « «Italia dei Valori» Ciampino Blog Says:

    [...] http://www.donnedemocratiche.com/?p=2219 [...]

  39. Dino Says:

    Io Giampaolo Giuliani lo conosco. La sua ricerca va approfondita e verificata e non demonizzata.
    Bertolaso è lo stesso che, andato in visita presso i laboratori del Gran Sasso (una passeggiata) ha rassicurato che il Laboratorio era in sicurezza poco prima che un incidente, il 16 aprile 2002, mostrasse invece seri problemi alle reti di drenaggio dei laboratori e dell’acquedotto. Eppure sta lì alla protezione civile senza problemi e pontifica con il paluso bipartisan.
    Boschi fa il Presidente dell’ISTITUTO Di geofisica e vulcanologia da 30 anni. Ma è mai possibile? Non è disponibile qualcun altro?
    Purtroppo questa è l’Italia

  40. L’esperto denunciato per il suo allarme «Confermo: lo si poteva prevedere» « Solleviamoci’s Weblog Says:

    [...] Intervista a Giampaolo Giuliani (da Donnedemocratiche.it) [...]

  41. iden Says:

    Grazie a Giuliani, adesso tutti sanno che esiste una ricerca scientifica avanzata e specifica che in Italia ancora si considera Stregoneria.
    Solo il tempo ci dirà chi è il vero “imbecille” di questa triste storia di morte e distruzione.
    Ma resta il fatto che in altre parti del mondo ci sono altri “Giuliani” che abitualmente fanno previsioni di eventi sismici
    basandosi su vari metodi scientifici,il tutto supportate da centri di ricerca ed università e senza scandali o diatribe politicoscientifiche.
    Perchè in Italia si deve sempre e soltanto fare polemiche distruttive e mai approfittare delle occasioni mediatiche per
    educare la popolazione a fare prevenzione, a capire i messaggi di allerta, a convivere con eventi di portata nazionale?????

  42. giuliana Says:

    Ringrazio Giuliani per la e sue ricerche e lo invito a continuare.
    Agli altri, dico che e’una vergogna.
    Tante persone potevano non essere li’ se avvertite.
    La solita Italia; spero tutto questo non venga dimenticato.

  43. giuliana Says:

    Ringrazio Giuliani per le sue ricerche e lo invito a continuare.
    Agli altri, dico che e’ una vergogna.
    Tante persone potevano non essere li’ se avvertite.
    La solita Italia; spero tutto questo non venga dimenticato.

  44. Francesco Says:

    In questo momento penso che ogni sforzo debba essere diretto a salvare eventuali vite ancora intrappolate sotto le macerie e ad aiutare in ogni modo possibile tutti i sopravissuti.

    Le analisi, a mio avviso, andrebbero fatte in un secondo tempo, evitando peraltro polemiche e strumentalizzazioni, spesso inutili o controproducenti.

  45. Marco Says:

    per me la previsione di Giuliani era esatta avendola fatta il 24 ma bisognerebbe vedere anche gli altri rilevamenti che lo strumento ha fatto dopo per vedere se poteva essere previsto anche quest’ultimo vento
    è facile dire che sbaglia ma è anche vero che come è scritto e forse molti hanno tralasciato di leggere le previsioni si possono avere solo con 6 massimo 12 ore d’anticipo.
    la previsione resa pubblica in precedenza era del 24.

    giuliani continua le tue ricerche che in italia (zona sismica) serve

  46. MARCO Says:

    Va beh.. Bertolaso il suo lavoro nn lo sa fare e questo si sapeva.. vedremo ora se avrà il buongusto di dimettersi o se si allineerà alla linea ufficiale NON VEDO, NON PARLO, NON SENTO del governo in carica.. omertà e fare finta di niente.. da oggi si fa così ok.. e sui TG nn si accenni a questo sig.so tutto io che tra due giorni c’è la riunione x le nomine RAI a casa mia!!!!

  47. guillermo Says:

    Felicidades por su descubrimiento.Yo llevo 30 años prediciendolos por motro método astronomico y por Influencias Indirectas de La Luna. He ido a congresos del AGU y egs y eug…creo poder predecir latitud,longitud y hora minuto , voy a confirmarlo con éste. y propongo un tipo de alarma que solo se necesita salir a la plaza durante unos minutos. Dije en Acapulco meeten AGU2007 que el centro de italia sufriría uno..pero debió repetirse hace un año. Es un error grande.Yo también voy por libre y muy difamado por los OFICIALES

  48. Claudia Says:

    Mi piacerebbe sapere dal dott. Giampaolo Giuliani che ne pensa del terremoto di questa notte in Abruzzo, cioè se pensa che ci saranno altre scosse di quella intensità o maggiore o se andranno in calo. Come si potrebbe evolvere la situazione, nessuno lo pensa o nessuno lo dice?

  49. federico Says:

    salve…io fortunatamente sn lontano dall’abruzzo e nn ho avuto conseguenze di tutto questo..capisco la rabbia di chi ha perso case persone o cose…però il signor giuliani esagera…certo lui fa degli studi che per fede sua sono attendibili..ma un conto è denotare un rischio generale..un conto è prendere provvedimenti seri del tipo sfollare un milione di persone nel panico generale quando nn si sa bn se qualcosa accadrà…quando e con che intensità..pensate al terremoto di 5,2 richter di dicembre se avessero sfollato 3 regioni?..io trovo che il problema + grave siano le condizioni delle case che sn cadute come castelli di sabbia..è questa la cosa grave sulla quale bisogna veramente riflettere…il resto..trpp facile accusare dopo la tragedia solo per alimentare un po di rabbia(anche se bertolaso poteva evitare di andare a rimproverare uno che cmq ne sa + di lui)….

  50. Davide Aliprandi Says:

    Bertolaso si dimetta: trovo che la sua condotta nei confronti del pre-allarme sia stata a dir poco vergognosa e priva di ogni apertura al dialogo e alla comprensione dei reali rischi della situazione.

    Davide Aliprandi

  51. Luigi Says:

    Penso che il sisma dell’Aquila abbia aggiunto una prova al nesso causale tra l’attivazione di una faglia e l’aumento misurato della concentrazione di radon. Gli studi di Giuliani finalmente usciranno dai laboratori, e questi fenomeni “sentinella” verranno approfonditi.

    Purtroppo sono sempre le mezze tacche a darsi molta importanza; chi lavora senza pubblicità e senza padrini a volte viene preso per rompicoglioni. La mia solidarietà a Giuliani e la mia vicinanza alla popolazione duramente colpita.

  52. Gabriele Says:

    Come avviene per esempio per i farmaci, una tecnologia, prima di essere applicata, deve essere testata per anni. Quindi, si ai finanziamenti per la ricerca di Giuliani, no a chi dice che tutto ciò poteva essere evitato. Non ancora almeno. Parliamo piuttosto dello stato pietoso di tutte le case italiane, dei materiali con cui sono costruite, di chi nell’edilizia ha sempre speculato, e come se tutto ciò non fosse noto, vogliamo pure liberalizzare l’aumento delle cubature del 30% ad minchiam.

  53. Geeno Says:

    Magari può sembrare una cosa fuori luogo, e fuori tempo, visto che il fulcro dell’attenzione in questo momento è rivolto su altri aspetti, e sicuramente la cosa non interessa a alla quasi totalità dei lettori di questo blog che presumo non siano troppo familiari con la fisica…

    ciò nonostante, vorrei comunque prender spunto da un dettaglio di questa intervista per far riflettere chi avesse avuto al pazienza di leggere queste righe su una questione semplice ma -credo- profonda:
    che troppo spesso la scarsa Cultura scientifica (chè è ben altro ripetto al nozionismo e al sapere tecnico!) del cittadino medio e la percezione popolare della “scienza” vista come “roba per chi ne capisce” o “se lo dicono gli sceinziati, sarà vero”, costituiscono le premesse per la formazione di opinioni irrazionali e infondate, polemiche sterili, e nella peggiore delle ipotesi svilisce la scienza a mero strumento tecnico al servizio di questa o quella ideologia… per approfondimenti, rimando al dipinto di F.Goya intitolato “il sonno della ragione genera mostri” ;)

    Venendo al dunque, vi invito a leggere il passo estratto dall’intervista qui sopra:

    “il Piombo-214 ed il Bismuto-214, che decadendo beta rilasciano radiazione gamma. I gamma inalati si fissano ai polmoni, ai bronchi ed al pancreas annichilendo questi stessi organi!”

    Ecco, voi sapete cos’è un “gamma” ? polvere? gas? no, è un’onda elettromagnetica che ha un energia più elevata di quella dei raggi X…mi spiegate come si fanno ad “inalare”!? avete mai provato ad inalare la luce di una lampadina!? che ingenuità…le radiazioni attraversano qualsiasi cosa non sia sufficientemente assorbente da bloccarle, non sono mica un aerosol!

    “Annichilendo gli organi”? ok, tutti capiscono che si tratta di qualcosa di pericoloso, ma detto così sembra francamente surreale.

    Un intervistatore un po’ più aveduto forse non avrebbe scritto certe insensatezze, si sarebbe sforzato di capire le cose che stava ascoltando piuttosto che copiare a vanvera parole, che altre persone leggeranno altrettanto a vanvera…
    e da qui a investire martiri della scienza il passo è breve, con buona pace del buon senso e della cognizione di causa.
    le parole di Kant, in questo senso, risultano senza tempo:
    “Minorità é l’ incapacità di servirsi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stessi é questa minorità se la causa di essa non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di servirsi del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude ! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza !”

    A chi fosse tentato dal bollarmi come secchione-sapientone-bacchettone-precisino-pignolo-ecc…a voi la scelta di perdere un occasione per riflettere su quanto è facile fare carne da macello con gli sprovveduti… in ogni contesto

  54. osvaldo Says:

    Il radon è un sottoprodotto del decadimento di elementi radioattivi ed ha ragione il dott. Giuliani nel parlare di radiazioni gamma che, appunto, sono radiazioni.
    Da ricerche note fin dagli anni sessanta sui minatori delle miniere di uranio, si sa che il radon è cancerogeno, soprattutto per i fumatori (il fumo aiuta le particelle radioattive del radon a fissarsi nei polmoni).

  55. Edoardo Says:

    rileggendo questi commenti scritti prima del terremoto mi viene da piangere. le persone potevano evaquare ed invece si preferisce come al solito smentire i ricercatori.

  56. Mario Says:

    E’ vergognoso che il capo della protezione civile dica oggi nel 2009 che i terremoti non si possono prevedere. Gli studi di Giuliani ne sono uno degli esempi piu’ avanzati ma in altri Paesi e’ la prassi. Mia sorella, che ha vissuto tanti anni a Los Angeles, stanotte svegliata dalla scossa ha detto:”Non puo’ essere un terremoto, ieri ho visto il telegiornale e lo avrebbero detto”! Bertolaso cambi mestiere

  57. Simólogo italiano predijo terremoto pero autoridades lo desestimaron | Pijamasurf Says:

    [...] del blog donde publicó su trabajo señalan que según las predicciones de Giuliani el terremoto hubo de [...]

  58. ida austero Says:

    due parole vi meritate dott. siete grande e continuate con la vostra ricerca ciao

  59. ida austero Says:

    rincorrete il vostro obbiettivo per la ricerca e non state ad ascoltare le persone incompetenti

  60. HR Says:

    Tralasciando le inesattezze nell’intervista sulle “radiazioni” che si “fisserebbero” (ma chi l’ha scritta?), vorrei dire la mia personale opinione su cosa sarebbe successo se avessimo dato retta al 100% senza alcuna riserva e senza alcuna ponderazione al prof. Giuliani:

    - che avremmo evacuato Sulmona, che dal sisma non ha subito danni, e magari alcuni sfollati sarebbero finiti proprio a L’Aquila;
    - che l’avremmo fatto una settimana prima, causando ENORMI disagi, che neanche vi immaginate, oltre che un allarmismo potenzialmente pericoloso, il tutto in attesa di un sisma di cui nemmeno Giuliani sapeva certamente quando ci sarebbe stato effettivamente.

    Nessuno sta demonizzando la ricerca di Giuliani. Ma non mi sembra neanche che quel che dice sia oro colato, affidabilissimo al 100% e con assoluta garanzia di veridicità. Ecco, assoluta garanzia, per quanto ne sappiamo potrebbe esser stato solo un caso che poi un sisma forte si sia verificato (altrove e giorni dopo la sua previsione), io preferirei aspettare che le sue dichiarazioni siano più precise e sicure. A meno di voler, per precauzione, mandar via tutti gli abitanti dell’Abruzzo intero e parcheggiarli per mezza penisola (eppoi il sisma dove capita capita tanto per andar sul sicuro abbiamo evacuato tutte le città).

    A me sembra follia parlare di evacuare addirittura l’intera regione e persino per mesi. Ma forse il risentimento impedisce di dire cose obiettivamente e si fanno sparate trascinati dall’emotività.
    E non capisco che senso abbia dire che “un terremoto non è circoscritto ad un paese ma si estende per parecchi km”, ovvio, difatti questo, AVVENUTO A L’AQUILA (e che lì ha causato vittime) sì è sentito anche a Sulmona, così come verosimilmente un sisma della stessa intensità AVVENUTO A SULMONA avrebbe causato vittime lì e si sarebbe ben sentito anche a L’Aquila. Oppure si doveva evacuare tutto l’Abruzzo per essere sicuri che nessuna città della regione avrebbe subito danni? E dove li avremmo mandati gli abruzzesi? E chi ce li avrebbe fatti stare per non si sa quanto tempo fuori dalle loro case, magari presi dal panico?

    Con tutto questo non intendo dire che Giuliani è un ciarlatano e la sua ricerca campata per aria, anzi, magari è pure sulla strada giusta – vedremo in futuro se le sue intuizioni saranno confermate o smentite definitivamente.

    Semplicemente si tratta di non lasciarsi prendere dal furore e dall’emotività per fare di _tutta l’erba un fascio_ e iniziare a sfogarsi su qualche capro espiatorio addossandogli persino responsabilità che non ha,.
    Siamo tutti bravi, a posteriori, a dire “eh ma Tizio l’aveva predetto” e a scaricare tutta la responsabilità su qualcuno.
    Inoltre temo anche che i veri ciarlatani potranno d’ora in avanti ottenere maggior credito: immaginate qualcuno che annuncia l’imminente eruzione del Vesuvio, ma poi si sbaglia, una, due, tre, più volte (e se paradossalmente ciò portasse poi ad una sindrome del “al lupo! al lupo!”?).

    Giuliani ha suscitato allarmismo fuori tempo e sbagliando anche zona nella popolazione, stop. Si spera che in futuro la sua ricerca faccia progressi sufficienti per fare previsioni più affidabili.
    Ma non canonizziamolo ora, nè demonizziamo chi l’ha criticato per l’allarmismo.

    My two cents.

  61. » Cronaca di una tragedia annunciata Says:

    [...] delle avvisaglie che qualcosa di molto più devastante era in arrivo. Proprio in virtù di questo – e basandosi su un suo metodo sperimentale – il tecnico di laboratorio dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) Gioacchino [...]

  62. ida austero Says:

    caro dott. siamo tutti addolorati per questa sciagura e dite da parte mia al sig. bertolaso di dimettersi

  63. Francesco Mangascià Says:

    Galileo Galilei, aveva ragione la terra girava su sé stessa: fu costretto ad abiurare. E più di qualcuno, vorrebbe che accadesse così anche oggi. Con Giampaolo Giuliani.
    Dopo il terremoto in Abruzzo, annunciato in anticipo da Giampaolo Giuliani, parecchi cervelloni, sostengono ancora che il terremoto non si può prevedere, alcuni lamentano mancanza di strumenti per previsioni operative, in relazione alle emissioni di gas radon nel sottosuolo, ma seguitano a sostenere che l’emissione più forte di gas non può significativamente giustificare l’allarme sismico.
    Giampaolo Giuliani, ai loro occhi, è un eretico, anche se ha visto giusto. E come tale andava denunciato, e qualcuno si prese pure la briga di ingiuriarlo definendolo un imbecille. Speriamo che tutti questi morti abruzzesi servano almeno a capire che dobbiamo liberarci di non sa svolgere bene il proprio lavoro, e far sedere ai posti di comando eretici imbecilli, come Giampaolo Giuliani, uno che non farà abiura. Un uomo che sa fare il proprio lavoro. Uno che ha dimostrato che la scienza a cui si riferiscono parecchi esimi, è una scienza vecchia, sorpassata, sicuramente inutile. Che li paghiamo a fare, se non sono neanche in grado di valutare il lavoro svolto da Giampaolo Giuliani?

  64. bertolani Says:

    il terremoto c’è stato, con i giusti precursori. vedi denuncia per procurato allarme e relativo dileggio del bravo professore.
    mi chiedo cosa avrebbero potuto dire gli strumenti di Giuliani nella giornata di ieri, se per disavventura non gli fosse stata messa la macina al collo della denuncia per procurato allarme.
    spero che a questo punto, ora, si possa essere più accorti ed allontanare i veri millantatori. ma che titoli ha Bertolaso per occupare il posto che occupa a vita?

  65. Roberto Says:

    Penso che prevedere un terremoto in un dato luogo e ad un’ora precisa sia quasi impossibile. Invece poter prevedere un terremoto in una zona di 50/100km entro un periodo di 1 o 2 mesi sia fattibile ed auspicabile. E quindi? Quindi è ben diverso farsi sorprendere una notte da un terremoto inatteso contro la possibilità di essere avvertiti che con buona probabilità entro 1 o 2 mesi si potrà verificare un terremoto nella tua provincia. Voi cosa preferireste fra le due possibilità?

    alessandro….si sarebbe dovuto fare allora, evacuare tutta la popolazione dell’Aquila per una settimana attendendo che arrivasse il sisma?

    No, sarebbe bastato avvertire la popolazione, magari i bambini potevano essere mandati da parenti, magari si sarebbe potuto fare un corso accelerato di fuga, magari si potevano inviare in zona temporaneamente gli aiuti della protezione civile, magari si potevano evacuare le case più a rischio, magari…

  66. Valerio Says:

    Dispiace sentire che Bertolaso abbia definito Giuliani un imbecile visto che non si tratta di un ciarlatano ma di un tecnico della materia.
    Non servira ma quel criminale deve chiedere scusa
    pubblicamente.

  67. Valerio Says:

    Bertolaso criminale imbecille e ignorante

  68. Robinik Says:

    In questa intervista tranquillizza i cittadini… non capisco i complimenti.

    In ogni caso credo che il suo sia solo sciacallaggio per procurarsi pubblicità sulla pelle delle persone morte.

    vedete… se io avessi la certezza che c’è un disastro del genere non esiste Bertolaso al mondo che possa fermarmi… MI METTO CON IL CAMPANACCIO AD URLARE FINO A QUANDO NON SONO SFOLLATI TUTTI.

    Il signor Giuliani invece ieri sera si è addormentato tranquillamente come dimostra la sua intervista al corriere:

    “Questa notte il mio sismografo denunciava una forte scossa di terremoto e ce l’avevamo online. Tutti potevano osservarlo e tanti l’hanno osservato. Poteva essere visto ce ci fosse stato qualcuno a lavorare o si fosse preoccupato.!

    Se ci fosse stato qualcuno… appunto… non c’era nemmeno lui.

    E’ il momento del silenzio, del lutto e dell’azione… invece l’Italia, paese di dietrologi e saccenti del giorno dopo pensa solo come al solito alla bagarre politica…

  69. Icma2002.Com » Blog Archive » Seismologist Was Forced to Remove Italy Earthquake Warning From the Internet Says:

    [...] comments and expertise are the subject of much discussion on Italian-language sites. A late-March interview on Italian political blog Donne Democratiche shows more than 50 comments, most posted early today. [...]

  70. Seismologist Was Forced to Remove Italy Earthquake Warning From the Internet | The Batts Report Says:

    [...] comments and expertise are the subject of much discussion on Italian-language sites. A late-March interview on Italian political blog Donne Democratiche shows more than 50 comments, most posted early today. [...]

  71. Marianna Says:

    PER FAVORE ci date il sito ufficiale di questo grande uomo ??? Dovremmo organizzare una raccolta fondi per finanziare le sue ricerche visto che lo stato si comporta in modo ridicolo!!!!!!!!
    Se diceva che con la maionese si dimagriva ci credevano tutti!!!!
    Spero non andrà all’estero!!!

  72. nn Says:

    Giuliani non aveva previsto il terremoto di Sulmona. Lo aveva VISTO. Aveva visto anche quello dell’Aquila. Lo ha pure detto alle autorità del luogo. Lo hanno denunciato e sospeso dal lavoro per averlo fatto. Ora è per strada con gli altri. Sua madre e’ viva xche’ lui l’ha fatta uscire di casa poche ore prima del sisma. Boschi sostiene di non conoscere Giuliani. Non e’ vero. Giuliani a Boschi aveva chiesto 4 anni fa a Roma di collaborare per un monitoraggio che verificasse se la sua macchina era attendibile. Boschi gli ha dato del ciarlatano.

  73. nn Says:

    Sto guardando porta a porta. 4 anni fa a Boschi Giuliani ha dato un dossier a Boschi sui dati raccolti e registrati da un notaio. Giuliani e’ un ricercatore, una persona semplice. Ma i dati dovevano almeno essere presi in analisi.

  74. marco Says:

    Ma sì.. evacuiamo le persone con settimane di anticipo… il milione e trecento mila persone le mettiamo giù in strada o nel Lazio… che problema c’è… Poi magari il terremoto arriva in “ritardo”… e non voglio continuare. Non si tratta così la ricerca scientifica, ma non si sparano sentenze col senno di poi vantandosi di essere profeti superintelligenti senza avere fondati elementi di analisi ed evidenze sperimentali. Lo sciacallaggio andrebbe osteggiato, non fomentato.

  75. Marcello Says:

    Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.

    Giampaolo Giuliani (Intervista qui postata)

    Detto questo…E non è poco…

    Benvenuto ogni supporto alla ricerca e ogni sostegno alla prevenzione.

  76. Francesca Says:

    Bertolaso dimettiti che sei vergognoso!

  77. Francesca Says:

    Un pensiero a Alessandro dell’Aquila che tre ore prima del terremonto ha postato il suo commento.
    Alessandro non ti conosco ma vorrei sapere come stai, come stanno i tuoi cari e come sta la tua abitazione.

  78. Samuela Vercelli Says:

    Anche il prof.Salvatore Lombardi della Sapienza Università di Roma, che studia i gas del suolo da trent’anni, ha rilevato analoghe correlazioni tra eventi sismici e rilascio dei gas dal profondo. Ha sviluppato centraline per il monitoraggio dei gas del suolo che potrebbero consentire uno studio sistematico per verificare il potenziale di previsione, i criteri e i parametri di riferimento per capire dove e quando il terremoto potrebbe colpire.
    Si batte da molti anni per ottenere i finanziamenti…

  79. francesca Says:

    PENSIERO IMPORTANTE

    Il colmo è che in Italia si parla ex post di tutto, e quindi anche di predicatori e di scienziati più o meno credibili, quasi dovessimo dare dei punteggi alle varie cassandre che ci circondano.
    Il fatto è che pochi si rendono conto che oltre mezza Italia è sotto grande rischio sismico e che non si sono mai imposte misure ordinarie onde poter contenere in parte i disastri sismici.
    Tempo fa ho rimesso a posto una casa nel sud Italia chiedendo l’intervento di un ingegnere strutturista affinchè calcolasse le strutture secondo standard anti-sisma.
    I locali mi prendevano per una fanatica…del nord.
    Se la mia casa crolla vuol dire che si è fatto il possibile per evitarlo; se non crolla sono stata oculata e previdente.
    E per non dire di altro.
    Ad esempio, si è mai insegnato a scuola quali sono le misure da prendere in caso di sisma?
    Nei palazzi in cui si lavora o si vive ci sono mai state prove simulate di allarme sismico o di incendio?
    Quale disastro maggiore dobbiamo aspettare per cominciare a prepararci adeguatamente ai grandi brutti eventi, come facciamo quando saliamo su una cabina di pilotaggio?
    Buona sorte e buona fortuna a tuttim ma così facendo non pensiamo al bene delle nostre future generazioni.

  80. BrunoNardi Says:

    University Park, Pennsylvania
    6 Aprile 2009
    Gentilissimi:
    come metodologista vorrei osservare che nella cognizione
    logica di studio il monitorare i grandi movimenti del sottosuolo
    terrestre
    analizzando le caratteristiche
    magneto-fisico-chimiche sembra
    essere esatta.
    Per cui e’ ovvio assumere che la trasformazione in assestamento della
    della grande struttura terrestre
    e’ associata a cambiamenti di elementi “transitori” presenti negli elementi
    chimici-magneto-nucleari.

    Per cui le varie fasi intermedie
    della trasformazione
    riguardande un particolare fenomeno hanno corrispondenza certa
    a seconda degli “atteggiamenti” intermedi che possono essere avvertiti
    da “segnali” anticipati e premonitori.

    Dovuto a questo penso che l’intuizione
    scientifica di Giampaolo Giuliani
    e’ senza dubbio giusta, logica e intelligente.

    Ma come studioso della fenomenologia
    dell’intelligenza della mente, che include anche
    processi, metodi, arte, psicologia e religione
    cioe’, come metodologista,
    devo asserire che esiste sempre
    un modo di migliore e di fare le cose.
    Sempre! Incessantemente, questo miglioramento esiste sempre!
    L’ intelligenza umana non tradisce e migliora la vita – il suo opposto e’ atroce.

    Per cui mi auguro
    che
    Giampaolo Giuliani
    non solo abbia posto una pietra miliare
    nel difficile e (alcune volte doloroso) percorso del
    progresso scientifico ma che gli venga data l’opportunita’ di
    migliorare e ampliare il metodo d’indagine scientifica.

    Concludo che pur stando affettuosamente
    vicino alla popolazione colpita e
    includendo in questa solideriata’ anche il ricercatore i
    nel porgere le mie sentite condoglianze vorrei offrire un contributo personale
    che dedico a tutti coloro che si rendono conto
    come l’umana intelligenza sia importante.

    – evito lo spam e il marketing aggressivo dell’Internet per cui
    questa volta uso lo pseudonimo: FirmatoBruno

    rlp188@psu.edu

  81. L’imprevedibile terremoto di Gioacchino Giuliani | AleksFalcone.Org Says:

    [...] 24 marzo Giuliani aveva affermato di “poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando [...]

  82. Flumeri – Terremoto in Abruzzo, un ricercatore aveva lanciato l’allarme: “Presto sisma disastroso” Says:

    [...] link INTERVISTA [...]

  83. Angelo Says:

    Noi italiani di buona volontà la rispettiamo caro Dr. Giualiani. Crediamo anche che lei non si attendesse molto dagli altri. Comunque bravo perchè vi ha creduto e perchè ha provato ad aiutare gli altri avvertendoli del pericolo. Non si arrenda: la realtà sperimentale prevarrà infatti velocemente; un conto è l’organizzazione dopo un evento catastrofico ed un conto è l’organizzazione per l’anticipazione dello stesso (anche solo a livello statistico): anche questo dovrà essere fatto e considerato d’ora in poi. La popolazione deve essere comunque avvertita ed informata dettagliatamente e velocemente; uno non si deve preoccupare della preoccupazione altrui se ciò gli può salvare la vita!
    Sono un fisico e disponibile se ritiene possa esserle di un qualche aiuto. Anche mia sorella ha letto valore anomali (più elevati della media) di Radon proprio pochi giorni fa.

  84. Lucio Says:

    Geeno scrivi un lungo post assolutamente inutile e pomposo…resta il fatto che un ricercatore aveva previsto un terremoto e spiega a grandi linee con che sistema lo usa…tu citi Goya e scrivi 50 linee per consigliare di non farci abbindolare da un’ intervista sprovveduta…ma che post strampalato hai lasciato?
    Io trovo grave che un ricercatore ha delle teroie che per lo mento sembrano vere…Bertolaso dovrebbe chiedere scusa e magari conviene studiare il sistema che stava sperimentando Giuliani. Chissenefrga di Goya…

  85. gpaolo Says:

    ciao
    ad oggi possiamo essere tutti concordi nel dire che non esiste ancora nessun metodo testato e riconosciuto dalla comunità scientifica sulla possibilità di prevedere con esattezza i terremoti, neanche in giappone, san francisco… i luoghi forse più sismici al mondo e non mi sembra si stia investendo miliardi di $ in ricerca in tal senso (mentre ne vengono spesi per costruire edifici ad elevati standard di sicurezza).

    Sicuramente quanto accaduto in Abruzzo dovrebbe essere preso come “spunto” per far nascere un serio dibattito tra gli scienziati, ricercatori ed esperti del settore, per capire se quello del Dr Giuliani possa essere sfruttato come base per una seria ricerca scientifica. L’intuizione sembra geniale ma mancano dati storici e contraddittorio costruttivo…
    1) emissioni di radon significativo hanno sempre preceduto storicamente l’arrivo di qualsiasi terremoto?
    2) in qualsiasi zona del globo?
    3) sempre con la stessa intensità di gas?
    4) quanti giorni/ore prima?
    (non credo che si disponga di tutti questi dati)
    5) se il Dr Giuliani era così sicuro che stava per arrivare il terremoto, perchè non si è allontanato dalla sua abitazione? da cittadino impaurito e indeciso io forse l’avrei seguito….

    Il metodo del Dr Giuliani non è sicuramente un metodo esatto… ma sicuramente non ci sono studi contrari che lo smentiscono… proprio perchè a quanto pare studi non ne sono mai stati fatti.

    A mio avviso, la strada da seguire non è quella di andare alla ricerca incontrollata del metodo perfetto di predizione dei terremoti e continuare a vivere in strutture edilizie obsolete e che oramai non rispettano più nessun criterio né di sicurezza né di efficienza energetica (….tanto lo predicono 6-24 ore prima e faccio in tempo ad evacuare).
    Si potrebbe sfollare una città come Roma o Napoli in 6 ore?
    O ci sarebbero più morti in preda al panico di quanti nn ne farebbe il terremoto stesso?

    Allo stesso modo non si va da nessuna parte denunciando scienziati anziché proporgli un tavolo scientifico serio con altrettanti scienziati competenti in materia.
    Le strutture portanti di una comunità civile (ospedali, scuole, prefetture, caserme….) non possono cadere come fossero fatte di cartapesta e la coscienza di ognuno di noi dovrebbe spingerci a investire di più nella sicurezza delle nostre abitazioni prima che in altri beni di lusso.

    Occorrerebbero secondo me regole più rigide per le nuove costruzioni e più sensibilità da parte di tutti noi nel rendere più sicure quelle che ci sono già e allo stesso tempo abbattere strutture ormai assolutamente insicure e obsolete.

    Quello che secondo me ognuno di noi, nel suo piccolo, può fare è contribuire al dibattito in modo civile (come in questo forum) e aiutare (con qualsiasi mezzo) quelle persone che da oggi sono senza rimaste senza niente.

    Far partire la caccia al colpevole e responsabile di un terremoto, mentre si stanno ancora estraendo persone in vita… forse nn è la strada giusta.

  86. antonio Says:

    Ma…possibile che su 30 post letti qui non se ne salvano nemmeno la metà?
    Ma quasi tutti voi siete folli!!! siamo a 150 morti e la notte è ancora lunga e voi “si ma il gamma il beta, il cristo” ma date i numeri?
    ma che c’entra????
    bertolaso si dimetta, berlusconi si suicidi…ma possibile che le persone col cuore siano diventate una minoranza? che tutti premano più ad ostentare la propria cultura, a criticare ed A ROMPERE LE BALLE piuttosto che dedicare 2 righe ad una provincia in ginocchio?
    per pietà….piantatela!!

  87. Mariasolo Says:

    Erano giorni e giorni che si susseguivano le scosse.

    Chiunque, anche un bambino, se pessimista, avrebbe potuto “pronosticare” un terremoto più forte.

    Giuliani invece, che è un tecnico, ha sbagliato la previsione addirittuta di una settimana ( data prevista 30 marzo) , nonostante le scosse si susseguissero da molti giorni.
    http://www.rete5.tv/index.php?option=com_content&Itemid=2&task=view&id=14440

    Un errore che – per un evento che dura pochi secondi – equivale a non aver fatto nessuna previsione.

    Sbagliata non solo la data, ma anche la città, non Sulmona, come previsto, ma L’Aquila.

    Se gli davano ascolto le autorità avrebbero potuto decidere di evacuare la popolazione da Sulmona a L’Aquila, con le immaginabili disastrose conseguenze.

    Quindi previsione campata in aria, sbagliata e anche pericolosa.

  88. michele pesci Says:

    come geologo, temo che la roboante ed oramai asfittica e persistente presunzione accademica dei “luminari” delle nostre università e degli istituti di ricerca nazionali non faccia sperare nulla di buono. imprescindibile, certo, il principio galileiano, ma altrettanto utile l’empirismo di persone di buona volontà. specie quando apre orizzonti.
    credo che nessuno possa negare la straordinaria coincidenza tra le valutazioni del signor giuliani (ricercatore, perito o altro che sia) e l’evento sismico dell’aquila. Fayerabend avrebbe qualcosa da dire…

  89. Alessandro Says:

    É incredibile come la maggior parte dei commenti sia stata lasciata da persone che non hanno idea di quello che dicono. Giuliani prima di tutto, se leggo bene, non é uno scienziato, ma un tecnico. Cioé una persona assunta non per fare ricerca. Che poi sia finito ricercatore é un’altra storia. Quindi non avrebbe neppure la competenza per parlare di queste cose. In secondo luogo puó darsi che il radon possa essere collegato a movimenti in profonditá lungo una faglia, ma non c’é alcuna evidenza di correlazione tra i due fenomeni. Si puó quindi parlare di previsione in generale (ci potrebbe essere un terremoto in una certa zona tra qualche giorno), e non di dettaglio (ci sará un terremoto di questa intensitá nel tale posto in tale momento). Terzo, i dati che ha fornito sono sbagliati in termini appunto di tempo e spazio. Quarto, comunque avrebbe dovuto parlare con kl’approvazione dei suoi superiori. Il risultato eccolo qui: persone che non sanno nulla di come funzionano le cose si permettono di pontificare (lo spagnolo che parla della luna mi fa impazzire) e giudicare. Bertolaso ha pienamente ragione. Giuliani avrebbe dovuto stare zitto o parlare in adeguata sede.

  90. Ripercorrendo la storia di Giampaolo Giuliani e di MP4 - Vittorio Pasteris Says:

    [...] E’ difficile capire senza strumenti scientifici adeguati il valore assoluto delle ricerche Giampaolo Gioacchino  Giuliani , Roberto Giuliani e Victor Alekseenko sull’uso del Radon come precursore di eventi sismici. I risultati predittivi delle apparecchiature artigianali prodotti sembrano significativi. Altrettanto significativi sono stati i segni di disinteresse degli scienziati famosi e dei politici per le loro ricerche. [...]

  91. giuseppe Says:

    qualcuno conosce il sito di Giuliani e comunicarlo qui?
    Grazie.

    Solidarietà a tutti i colpiti dal sisma

  92. KrazyKotik Says:

    Questa serie di commenti passa dall’indignato all’assurdo modello Elio e le storie tese in “Mio cugino, mio cugino”… Il grave problema è che ogni occasione è buona per litigare, cercando di far scontare ad altri colpe senza senso. In primo luogo, non credo che il dott. Giuliani abbia proferito la serie di strafalcioni senza senso sul radon ed i raggi gamma che si fissano agli organi, altrimenti sarebbe lui il primo da cacciare a calci dal suo laboratorio. In secondo luogo, predire i terremoti è veramente il Santo Graal della ricerca sismologica: nessuno ci è riuscito finora e le correlazioni tra l’emissione di certi gas e l’effettivo verificarsi di terremoti è tutta da provare, specie se vogliamo determinare “quando” e “dove” un terremoto si verificherà. Un terremoto devastante, in certi posti in Italia, è un evento che è già successo, o che accadrà in futuro, o che accadrà ancora nello stesso posto. Io suggerirei una cosa: perchè non finanziare un po’ questo signore per vedere se ha avuto fortuna o se davvero qualche ragione c’è?

  93. Ruclimbgra Says:

    La ragione per cui nn mi piace la destra è per il comportamento direi distratto verso l’altro ed il mondo, per l’atteggiamento mentale di distrazione verso ciò che non è ritenuto degno di attenzione a priori. Ma questa mentalità che esiste non solo nella destra politica e da anni alberga nella sinistra politica, caratterizza la vita dei cosiddetti umani; e per coloro che si classificano non così, che si identificano come non superficiali, la vita è molto più difficile. Il popolo italiano è un popolo che non sa osare che è massa ed è per questo che nella storia ci sono stati tanti luminari e menti eccellenti che per essere ascoltate e credute hanno dovuto penare ed essere umiliate da una cultura che è sempre di destra anche quando viene partorita da una sinistra politica. E non sarà di destra quando questa politica attuale sarà capace di abortirla. Ricordiamo che le più grandi scoperte sono state fatte per errore, per sbaglio e addirittura per caso.
    Bravo Bertolaso, bravo Boschi e così che si umilia la gente che si da da fare! Sono fiero di essere italiano. Facciamo del Made in Italy un marchio. Si un marchio vuoto di contenuti.
    Complimenti Dott. Giuliani la gente come Lei mi riscalda il cuore e mi eleva.
    Buon Lavoro e speri che resti Italia;).

  94. marco Says:

    ….Preghiera !…Profondo Cordoglio Alle Vittime in Tutto il mondo !…..In Merito; Studi Ricerche …Apriamo Vivamente LE Porte della Scienza , Benedetti gli Scienziati al Vero Servizio – Umano ….Non dimentichiamoci : Fonte Dell’ Intelligenza frutto DONO DISTACCATO di ” DIO” . La VERA FEDE Cattolica Ci impegna Tutti Nella Ricerca Scientifica , Fraternamente …..Stabilendo: Confronti- Osservazioni ….. A ” DIO” Infinito Amore…..

  95. Gabriele Says:

    Concordo con Mario. Bertolaso, con la sua solita arroganza, ha chiesto una punizione per quelli come Giuliani che sostengono che il terremoto si può prevedere, dando loro degli imbecilli. Perché non contesta nel merito quanto sostiene Giuliani? Forse perché qualcuno potrebbe mettere in dubbio che bravi come Bertolaso non ne esistono. Ma attenzione! Chi tocca Bertolaso muore.

  96. Cecco Says:

    Chissà perché gli italiani, anche di fronte a fatti gravi come quello appena verificatosi, si preoccupino solo di trovare un capro espiatorio. La teoria relativa alle misurazioni di radon per prevedere terremoti fu avviata già negli anni ’70. L’esperienza ha poi dimostrato che solo alcune volte è stata seguita da un terremoto di forte entità mentre, il più delle volte, non è successo niente. In una quantità di siti su internet si trovano i risultati degli esperimenti fatti con tanto di statistiche e dati e tutti, alla fine, concordano nel dire che si può solo prevedere che, in una certa zona, prima o poi, ci sarà un terremoto senza poter specificare né il luogo esatto né l’intensità e tanto meno il giorno preciso

  97. dante Says:

    Se ci fosse stato un mio parente sotto le macerie della casa dello studente avrei preteso che mille grandi gru tenessero imbrigliato il pallazzo per non farlo crollare. Dove sono i mezzi tanto propagandati dai giornali che con ipocrisia non vogliono parlare di responsabilità di Bertolaso?

  98. Marcello Says:

    Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.
    Giampaolo Giuliani
    23 Marzo.

    Fonte: L’Intervista qui sopra riportata

  99. piera p. Says:

    Caro Giuliano, sei solo un GRANDE! Vergogna a Bertolaso e ai nostri governanti (tutti). Come può Bertolaso “riprenderti duramente” e M Tozzi in RAI con disprezzo dire che sei “solo un tecnico”. E che dire del commento “Anche se, per onestà, occorre dire che un conto è dire «ci sarà un terremoto», un altro è dire con precisione in quale zona colpirà e soprattutto quando.” sul Corsera 060409 quando tu hai detto tra Sulmona e L’Aquila?? A parte questo, non era cmq un DOVERE prevenire (=sfollare) visto che la zona è notoriamente sismica? Forse il disegno + grande dei ns politici, dopo rubare soldi, è di farci fuori tutti!

  100. dott.Leonardo Angeloni Says:

    Vorrei lasciare un suggerimento per il dott. Giuliani, forse non necessario, ritengo che le basi scientifiche su cui si basa sono abbastanza solide per giustificare il suo lavoro di ricerca, vorrei consigliarli di fare tutti gli sforzi possibili per continuare il suo lavoro di monitoraggio anche nelle condizioni attuali di estremo disagio,perché la situazione attuale, nella sua tragigità, è estremamente interessante per accreditare la sua teoria.In particolare per verificare se a parità di magnitudo, nelle scosse di assestamento si verifica una minore emissione del radon rispetto alle scosse prevedenti il sisma più importante dovuta al fatto che la frattura della crosta terrestre si sta richiudendo.
    Sarei grato a chi ne è in possesso se potesse inviarmi l’indirizzo di posta elettronica del dott. Giuliani

    cordiali Saluti

    dott. Leonardo Angeloni dip. Chimica Università di Firenze

  101. carminedibenedetto Says:

    chiediamolo a chi a perso i suoi cari, se non avrebbero sopportato una settimana di preallarme.
    non voglio fare polemiche sulle responsabilità,
    ma impartire ordini sulle in diretta tv ai ministri e il massimo.

  102. Imprevisti e probabilità | fiordisale Says:

    [...] è normale rimanere come imbambolati dallo choc. Poi quando ho letto questo articolo sono rimasta basita, allora ho cominciato a rubare minuti al sonno per approfondire la questione, per quanto è [...]

  103. Claudio Giacomini Says:

    Grazie Dott. Giuliani , Per le sue ricerche e il suo impegno , Nel 1985 svolgevo il servizio militare all’Aquila nei mesi di gennaio e febbraio ci furono delle piccole scosse sismiche dopo la prima delle scosse vennero impartite disposizioni a tutto il personale di uscire in libera uscita per l’Aquila in tuta mimetica e anfibi e in caso di scosse di ritrovarci tutti in piazza della fontana luminosa dove camion dell ‘esercito ci avrebbero portato a prendere tende e materiale per scavare già predisposto . dopo 24 anni vedo solo buffoni di corte comandare sulla protezione civile e sciacalli politici che cercano consensi televisivi lucrando sulle macerie e sui morti . grazie a tutto il personale dell’ ospedale S,Salvatore e soprattutto medici e infermiere chi mi hanno salvato la vita vicino Collemaggio

  104. Procida – Prevedere i terremoti o adeguare gli edifici? Says:

    [...] potuto ricostruire , il primo tra i recenti interventi di Gioacchino Giuliani è stato questo, su Donne Democratiche, il 24 marzo. Qui Giuliani dice: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in [...]

  105. Nunzio Sauta Says:

    Caro signor Giuliani, si può ritenere fortunato, Lei verrà sicuramente riconosciuto per il suo operato intelligentissimo, Galilei, e tanti altri sono stati riconosciuti quando non cerano più.
    Lei sta contribuendo, senza saperlo, all`eliminazione dalla rugine dell`ignoranza esistente.
    Le persone oneste e sicure come Lei, non sono da impriggionare, come Lei spesso asserì; tutto il Mondo le sarà riconoscentissimo, il suo strumento é veramente (il PROFETA) forse unico.

    Però, mi preoccupa il fatto che questo Gas Radon, penso che ha fatto ammalare da sempre molta gente, dando, per questo male incurabile, le più svariate colpe a tante altre cose, senza che nessuno ne sia stato mai a conoscenza, penso anche, che Lei abbi preso molti piccioni con una sola fava.

    Le auguriamo, Carissimo Professore, il giusto riconoscimento che merita uno Scienziato come Lei. Grazie Caro Amico, ti abbraccio, Nunzio (CH)

  106. Per amor di verità | Licia Troisi Says:

    [...] io. Infatti Giuliani porta avanti la sua ricerca sui terremoti nel tempo libero. b) il 24 Marzo, intervistato da DonneDemocratiche, dice esplicitamente che “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo [...]

  107. un medico Says:

    il radon che si trova anche in molti materiali di costruzione porosi è un prodotto di decadimento dell’uranio ed emette particelle radioattive che si accumulano nell’ambiente specialmente dove nn c’è ricambio d’aria. i prodotti di decadimento dell’uranio formano ammassi di ioni con le molecole d’acqua o reagiscono col vapore d’acqua formando particelle di aerosol che, venendo inalate raggiungono bronchi e polmoni esercitando direttamente la loro azione cancerogena. ho ascoltato ieri sera l’intervista di Vespa a Giuliani.ritengo che questo metodo di previsione dei terremoti vada indagato mentre fino ad oggi quelli che ritengono di essere degli esperti fino ad ora non vi hanno dato alcun peso.

  108. Carlo Says:

    La penisola italiana si muove verso est. Questo si sa. Ci sono stati e ci saranno terremoti. Anche questo si sa. Dove e di che entità non si sa. Pochi conoscevano Giuliani. Egli ha rilevato che statisticamente la concentrazione di radon aumentava in occasione o in prossimità di terremoti. E’ facile anche intuire il perchè: il radon si trova nel sottosuolo, in occasione di terremoti è ovvio che con il movimento della crosta se ne liberi maggiormente. Gli animali avvertono sempre i terremoti prima che avvengano: probabilmente sentono lo sciame sismico o avvertono anche la presenza di radon. Ma questo non è un dato certo. Di sicuro abbiamo che Giuliani ha fatto un buon lavoro. Ha notato che lo sciame sismico avviene tra novembre ed aprile e che già verso fine marzo tende a finire. Di norma si possono tranquillizzare le persone dicendo che le micro scosse termineranno entro un certo periodo. Altra cosa è notare che il fenomeno dello sciame sismico si presentava alterato rispetto alle precedenti rivelazioni e che le concentrazioni di radon erano aumentate. Ciò poteva preludere ad un terremoto. Dire poi il giorno e l’ora mi sembra pretendere troppo. Si può comunicare il dato ed allertare sul fatto. Se poi ci vogliamo dormire sopra… Se già in Giappone, territorio notoriamente sismico, non costruiscono al massimo delle possibiltà contro i sismi, figuriamoci in Italia. Al di là delle persone che hanno perso la vita, oltre la tragedia che non possiamo comprendere a fondo, capiamo bene come qualche costruttore edile si stia già sfegando le mani…
    A proposito del radon….tutti sappiamo molto bene che cos’è e come agisce. Se respiriamo radon, questo farà il suo decadimento all’interno dei polmoni. Ovvio che le radiazioni emesse agiranno sulle cellule circostanti. Non mi sembra il caso di sottilizzare sul fatto che si sia spiegato in maniera non troppo precisa l’effetto del radon sulla salute…

  109. Marco Says:

    A parte i soliti che prenderebbero per buona anche la teoria che è stata la befana a far cascare tutto solo per potersi scagliare contro questo o quello in ragione di una fede politica, la novella del metodo del ricercatore del gran Sasso mi sembra un po’ come l’omonimo l’amaro medicinale, frutto di una ricetta segreta, ma in questo caso non mi sembra benefico per il fegato.

    Sono un geologo e mi sono laureato con una tesi sperimentale sull’energia sismica necessaria all’attivazione di frane o alla riattivazione di paleofrane a seguito di un terremoto. Dopo la laurea ho mantenuto vivo, non solo per lavoro, il mio interesse personale per la sismica nei suoi molteplici aspetti; in merito a ciò non mi ritengo tuttologo, ma mi ritengo un po’ più “dentro” a certe argomentazioni e devo dire che almeno in apparenza le spiegazioni del Sig. Giuliani mi sembrano quantomai vaghe e poco esaustive.

    Mi chiedo in primis come abbia potuto rilevare le variazioni di radon “connesse” col terremoto che avvenne in turchia – che peraltro fa capo a tutta un’altra zona sismogenetica…Mi torna davvero strana la cosa.

    Anche l’area dove vivo è ricca di sorgenti alcune delle quali presentano contenuti variabili in gas radon. Per studi eseguiti ho avuto accesso a decenni di analisi con valori giornalieri del radon: purtroppo nessuna variazione (o meglio nessun aumento) sembra correlato con eventi sismici. Ho notato invece aumenti nella concentrazione di tale gas correlati con periodi di intense precipitazioni; questo perchè l’effetto di ricarica delle acque delle falde profonde le porta ad interessare in profondità rocce del basamento ricche di elementi radoattivi, che le arricchiscono in radon (mentre cala il contenuto di altri sali per l’effetto di diluizione).

    Così, nessun terremoto ma un significativo aumento di radon. Volendo però potrei trovare sempre un sisma a cui connettere l’aumento di radon… Perchè no, magari anche il terremoto turco… Bah!!!

    Sono oltre trent’anni che Giapponesi, Americani, Cinesi e chissà quanti altri (INGV compreso) lavorano non solo sul radon ma su altri precursori per capire come utilizzarli e come siano connessi con l’attività sismica, al fine della previsione di tali fenomeni. Purtroppo le metodologie di indagine non hanno ancora portato a gran che come risultati, nonostante simili nazioni abbiano speso sicuramente più del sig. Giuliani e abbiano sicuramente mezzi, “teste” e tenologie ben più ricche di quanto il tecnico suddetto possa gestire; ergo: anche per me la previsione è e resta, al momento, ”impossibile”.

    Il sig. Giuliani mi cade poi ancora più in basso quando correla la frequenza con la quale avvengono i terremoti con le stagioni. Non c’è nulla di più sbagliato. Altrimenti lo stesso discorso dovrebbe valere anche per l’emisfero opposto, dove quando qui è primavera la’ è autunno o viceversa. Invece non è così. Non c’è alcuna correlazione, ed anche minimi o poco incisivi sembrano gli effetti dovuti a presunti fenomeni gravitazionali come somma degli allineamenti planetari.

    Anni fa c’era anche un radioamatore che diceva di prevedere i terremoti con i disturbi elettromagnetici che registrava. Si, cè qualcosa anche in questo.. Ma al momento, nessuno riesce a fare previsioni azzeccate, SE NON PER CASO.

  110. antonio Says:

    pima di criticare le sue ricerche penserei prima a valutare i suoi studi da geologi o vulcanologi in gamba

  111. Nunzio Sauta Says:

    Bertolaso, Lei potrà essere molto bravo (forse) ad eliminare la spazzatura, ma gli scenziati, lasci che sìnteressino veramente a salvare l`Umanità. giustamente “come Lei dice” questi signori non sono da prendere sul serio; però, cè sempre da applicare una certa analisi della logica, spendere un pò di tempo cercado di capire, se il pazzo potrebbe dire delle verità o meno, che alla maggiorparte di noi tutti sfugge.
    Dove, quando, come e chi. potrebbero essere coloro che meritano di essere considerati come SAGGI?
    La persona saggia, deve essere un pò scettica, però, spinto dalla curiosità indaga per constatare se in quel pazzo ci sia del vero. Non Le senbra?

    Generalmente parlando, vorrei dirle chè, niente mi sorprende, o quasi niente; in Italia è proibito per eccellenza, quasi come una missione, accettare, oppure riconoscere la superiorità altrui; non Le sembra di esagerare? si pecca di presunzione, ripetendo continuamente quello che gl`altri hanno detto; anche G.Galilei disse “e pur si muove ” quanto tempo passò per essere riabilitato? ma poi mi domando e dico allo stesso tempo, a cosa sia servito, non sarebbe stato meglio analizzare il tutto? avrebbe potuto morire pensando di essere stato utile all`umanità tutta? noi siamo psicologicamente degli assassini.
    Da noi (per tradizione) nessuno deve o potrà essere meglio di se stessi, un`altra cosa Bertolaso, ha mai pensato, che la massa non e altro che l`insieme di tante molecole? non Le sembra che noi tutti siamo delle molecole, se ci mettiamo responsabilmente insieme, ci si accorge che non possiamo starcene separati gli uni dagl`altri, l`Opera potrà esistere se ognuno di noi prende considerevolmente di stare al proprio posto, senza tralasciare nessuno, collaborando per il bene della massa comune.
    La saluto. NuSaDi

  112. paola Says:

    IN italia tutto dipende dalla politica anche se dobbiamo vivere o morire, sono i poltici ed i responsabili che decidono e nessun altro…il povero ricercatore o tecnico come loro vogliono chiamarlo disprezzandolo si è dovuto ritirare ,ha fatto marcia indietro ed è chiaro che è stato ricattato da chi prima del sisma lo aveva deriso e schernito, gli uomini da 2000 anni ad oggi non sono cambiati anzi sono peggiorati, vergognatevi!!!!!!

  113. Terremoto Abruzzo, la profezia di Gioacchino Giuliani, tecnico abruzzese che aveva previsto il sisma « Says:

    [...] avrebbe potuto colpire la zona di L’Aquila, era stato intervistato il 24 marzo anche dal blog DonneDemocratiche.it . Nell’intervista, dopo aver raccontato com’è nato il suo apparecchio, aveva corretto la sua [...]

  114. Terremoto in Abruzzo, decine di morti. Migliaia di sfollati e di edifici crollati.Si continua a scavare sotto le macerie « Says:

    [...] avrebbe potuto colpire la zona di L’Aquila, era stato intervistato il 24 marzo anche dal blog DonneDemocratiche.it . Nell’intervista, dopo aver raccontato com’è nato il suo apparecchio, aveva corretto [...]

  115. Aurora Says:

    My condolences to family of victims.
    It is a shame that some deaths could be prevented, even it meant to evacuate the area for 2-3 weeks. Is profit realy all that matters? But this attitude of “what can they possibly know” (alereted and concerned scientists) is present all over the world: scientist try to rise public attention and get funds, and officials who do not care:
    Link to BBC’s “old” news from Wednesday, 23 January, 2002,
    Expert predicted volcano eruption
    http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/africa/1777671.stm

  116. claudia Says:

    Sono triste e addolorata per le vittime in Abruzzo, per le famiglie, le persone senza casa, a loro il mio abbraccio e il mio pensiero…

    A me è capitato in un’azienda di fare delle esercitazioni anti-incendio: sono esercitazioni che limitano il panico e vi sono protocolli da seguire, in modo che vengono decise le persone che si occupano di far evacuare, quando e chi chiamare gli aiuti, come servirsi di estintori, ecc. Penso che Giampaolo Giuliani sia una persona onestissima e intelligente che con il suo contributo poteva permettere di fare delle esercitazioni anti-sismiche preventive. Magari qualcuno lasciava un cappotto in macchina, decideva a chi lasciare i bambini, chiamava un perito per far controllare i muri della propria casa, ecc…magari qualcuno in più, anche solo 1 persona in più poteva salvarsi…Per chi ha perso una persona cara, quella differenza sarebbe stata comunque VITALE…

    La Luna esercita influssi sulla Terra: è proprio questa conoscenza, frutto di un sapere vecchio di millenni, di saggezza contadina, che deve essere sfuggita ai grandi “Accademici”, i quali pensano di avere la verità in mano grazie al conforto “materiale” di “letteratura specializzata” su un dato argomento… Giuliani è una persona con i piedi per terra e con uno sguardo rivolto al cielo, come i grandi scienziati di ogni tempo… Grazie Giuliani per la sua umanità e il suo impegno !

    Che siano cadute case molto vecchie, purtroppo c’era da aspettarselo, ma che addirittura un ospedale sia inagibile !!!! Chi si era occupato del progetto, di stanziare i fondi? Chi ha avuto l’appalto ? Quali persone/forze politiche governavano in quel periodo in Abruzzo ??????

    Bisogna seguire le norme anti-sismiche quando si costruisce; inoltre, sarebbe utile che i Comuni abruzzesi (ma anche gli altri a forte rischio sismico) distribuissero alla popolazione semplici volantini per diffondere informazione sui vantaggi di una casa costruita con norme anti-sismiche e organizzassero esercitazioni anti-sismiche preventive…

    Ultimo punto: siccome penso che un governo orientato al benessere di chi già sta bene non ha a cuore davvero le persone come noi, cioè la gente comune, che ha solo mezzi comuni, è importante partire sempre da piccole azioni locali e votare per persone oneste con dei valori semplici. Solo i ricchi votano i ricchi! Mi scuso per lo sfogo “di parte” e “di partito”, ne sto approfittando vista l’appartenenza politica di questo sito.

  117. Alessandra Says:

    Giuliani, anche se solo un tecnico ricercatore, meritava di essere ascoltato.

    I motivi?

    1) Da sempre si sa che gran parte dell’Italia è a grave rischio sismico. Se esiste una remota possibilità di prevedere un evento cosi’ catastrofico è da imbecilli presuntuosi oltre che da criminali non prendere in considerazione tutti gli elementi utili a limitare i “danni” (in perdite di vite umane)

    2) L’attuazione e quindi decorrenza della legge (DM 21-10-2003) recante «Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica», è stata rimandata ben 2 volte dal governo Prodi e 1 volta dal governo Berlusconi, percio’ ad oggi siamo ancora fermi su questo versante, nonostante tutti sappiano che “prevenire è meglio che curare”, non solo in termini umani ma anche economici.

    Dunque, nel dubbio, viste le premesse di uno sciame sismico atipico e i dati alquanto eloquenti presentati anzitempo da Giuliani al Dott. Boschi, e visto che la politica ha grandissime responsabilità (perchè l’applicazione del decreto è stata rimandata sia da destra che da sinistra???, perchè un progetto di ricerca cosi’ utile alla comunità non è stato finanziato???) io quantomeno mi sarei mobilitato per avvisare la popolazione alla massima prudenza e alla evacuazione almeno dei quartieri piu’ a “rischio”.

    Qualcuno ha detto che è difficile far evacuare tanta gente.
    Perchè, non è forse altrettanto difficile per una madre o un padre perdere il figlio in un crollo di un palazzo nuovo?
    Non è forse difficile disseppellire vivi e morti da sotto le macerie?
    Non è forse difficile prendersi cura di 207 morti, 1500 feriti e migliaia di sfollati che hanno perso tutto?

    Qualcuno ha detto che sono da ammirare i politici che in questo frangente anzichè accusare la parte avversaria hanno messo da parte la polemica politica e si sono dati da fare.
    Sarà stato finalmente buon senso o è solo questione di prudenza (meglio che la gente non ci pensi alle responsabilità di questa classe politica vergognosa) e di coscienze sporche che non fanno piu’ dormire la notte???

    Credo che non basti che certi personaggi si prodighino quando una frittata di tali dimensioni è fatta e servita.

    Troppo comodo.
    Troppo comodo guardare i danni di un disastro annunciato dall’alto di un elicottero, o fare salotto negli studi televisivi speculando sul dolore altrui.

    Vergogna.

    Una vita persa è una vita persa.

    Chiedere scusa a Giuliani e soprattutto ai terremotati ?
    Altro che scuse.
    Parafrasando Toto’ in un famoso film di guerra … delle loro scuse, ammesso che le facciano (!), gli italiani ci si puliscono il culo.

    Le parole sono per il vento.
    Noi vogliamo i fatti.

  118. Giampaolo Giuliani : si poteva prevedere « Il sasso di Mimma Suraci Says:

    [...] Intervista a Giampaolo Giuliani (da Donnedemocratiche.it) [...]

  119. George Hale Says:

    ma scusate… avete letto alla fine del punto 4?

    “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.”

    ora una persona che oggi prevede una cosa, domani un’altra, capirete che non da molta affidabilità….

    Non aveva previsto quando ci sarebbe stato… ma basandosi sullo sciame ha detto che ci sarebbe potuto essere (quanto al Radon, vi sono lavori in letteratura è sufficiente cercare su google “earthquake radon” per vedere, tuttavia non si giunge a stabilire un limite critico oltre il quale diventa tangibile la probabilità dell’evento).

  120. Attenzione per chi vuol fare volontariato Says:

    http://www.francescocosta.net/2009/04/06/controappello/

  121. luigi Says:

    Le solite dall’Italia :

    Ieri partiva un avviso di garanzia per procurato allarme.

    Oggi viene aperto un fascicolo per disastro colposo.

  122. Gennaro Mignolo Says:

    “L’ipotesi: un gas sprigionato durante il sisma del 1908
    causa di mutazioni genetiche negli abitanti
    Messina, nel terremoto
    il mistero del Dna”
    Gli scienziati chiedono la riesumazione di 250 salme. Ok dalle autorità
    di ALBERTO BONANNO

    Repubblica (17 marzo 2007) Andate a leggere quest’articolo di due anni fa…

  123. ME Says:

    Quando gli uomini che stanno ai vertici (chissà poi come) sono anche presuntuosi, commettono l’errore di giudicare da soli, senza avere le competenze adeguate, se una cosa è vera o no.
    Io direi a Mr Bertolaso: ha mai pensato prima di denunciare e dire no, categorico, di parlare e confrontarsi con il Signorissimo Giuliani che aveva portato questo problema da voi che ahimè sembrate decidere le sorti degli altri? Avete mai pensato di riunire una squadra di esperti, durante i mesi in cui le scosse si sono verificate, e decifrare (gli esperti, non lei!) i messaggi che la terra stava dando? ci ha mai pensato? ,.. non solo, ha mai pensato di interpellare il governo, che vi mettesse in condizione , e dovevate pretenderlo, di poter consigliarvi per come meglio agire?
    Non dico che si doveva evaquare tutta la regione, ma magari se quel povero Giuliani non fosse stato lasciato solo e disperato senza poter fare nulla, avreste azzeccato il momento perfetto in cui il terremoto si sarebbe verificato, magari avreste avuto il tempo di evaquare la gente in zone di aperta campagna.. o chessò io, dove non ci sarebbero stati morti magari.. ci ha pensato?

    Voglio dire, al di là delle polemiche che ogni intellettualoide comincia a fare su quello che è stato detto, come è stato detto, sul significato di un atomo o cicciole varie, dico, ma la coerenza e la praticità di ciò che vuol dire aiutare ed essere complici e uniti in italia, ce l’ha qualcuno questo concetto nella mente o nel cuore? ce l’avete l’idea della cooperazione oppure quella vi serve solo quando dovete chiedere poi soldi ai cittadini o alle regioni o allo stato per farvi le vostre robe?

    Io ogni giorno di più mi vergogno di essere italiana… e lei, insieme a chi come lei ha voluto fingere che l’allarme fosse finto, dovreste vergognarvi, ma tantissimo, e se fossi nei panni dei cittadini dell’acquila io denuncerei lei e chi sapeva questa situazione e non ha fatto nulla!

  124. Luisito Says:

    salve a tutti io studiavo all’aquila e avevo casa a via santa croce so che la casa fino a lunedi era in piedi vorrei tornare per riprendere le mie cose qualcuno sa darmi qualche informazione sulla zona e dirmi se si può andare ? grazie

  125. franco Says:

    avrà pure detto una cazzata ma intanto lui e la sua famiglia si sono salvati nonostante il crollo della sua casa.

  126. franco Says:

    Sono un vigile del fuoco professionista,

    di fatto vivo e lavoro lontano dal territorio interessato da questo maledetto sisma e quindi, in questa interessante discussione, vi partecipo libero da condizionamenti soggettivi ed oggettivi.
    Ho letto con calma praticamenet tutti i commenti presenti in questo forum, CHE DIRE….!!
    Tanto per cominciare che presto darò il cambio hai miei colleghi che si stanno prodigando tra mille difficioltà nelle zona interessate dal terremoto e che, cosa non da poco, sempre e comunque i Vigili del Fuoco vi saranno vicini con tutta la discrezione possibile, anche se i mezzi messi a disposizione dall’amministrazione oramai purtroppo sono quelli che sono.
    Rispetto allo standar europeo, che prenderò come riferimento per semplificare le cose, noi VVF professionisti siamo una razza in via di estinzione, sì perchè l’ennesimo dualismo inutile proposto dai nostri POLITICI di turno, in questo caso specifico tra noi e la PROTEZIONE CIVILE, ci stà facendo in questi ultimi anni irrimediabilmente implodere su noi stessi con tutte le conseguenze del caso, il risultato è che anno dopo anno siamo sempre di meno e sempre più in avanti con l’età ed il turn over messo in campo sappiamo tutti da chi, a differenza di molti corpi dello stato, a noi in particolare che viviamo di soccorso tecnico URGENTE ci stà penalizzando umiliandoci oltre misura.

    Se vi state chiedendo che centrano queste mie parole con tutto l’accaduto discusso in questo forum PRESTO DETTO:
    STATO ITALIANO=BERTOLASO
    BERTOLASO=PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE
    PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE=P.C. LOCALE
    PROTEZIONE CIVILE LOCALE=VOTI(tanti)
    VOTI(tanti)=RIELEZIONE DEL SINDACO

    VIGILI DEL FUOCO(circa 20.000)=VOTO???????

    A questo punto secondo voi avere un modello matematico (in questo caso specifico per esempio come quello del Sig. GIULIANI) che, passatemi il termine, “inertizzi” attraverso una data più o meno certa del sisma tutta questa massa di VOLONTARI (che un costo sicuramente ce lo avranno e guardando i mezzi tutti nuovi etc, caspita se ce lo avranno) in movimento sul luogo del sisma di turno a chi giova??
    Riletteteci sopra perchè queste mie poche parole, seppur di parte, un istante almeno di riflessione lo meritano.

    MORALE: l’aibag preserva il cliente non la macchina dall’incidente, basterebbe un semplice radar (ovviamente studiato ad hoc e magari concepito dal GIULIANI di turno) per poter evitare buona parte degli incidenti stradali mortali.
    MORALE: non è possibile che per rilanciare la nostra economia nazionale oramai marcia e in pieno medio evo strutturale ci si deva relazionare con questa IMMENSA TRAGEDIA relegandola ad una mera occasione di rilancio economico.

    CIRCA DUECENTO PERSONE CHIEDONO GIUSTIZIA, LA CHIEDERANNO PER DECENNI……

    http://www.beppegrillo.it

    una voce fuori dal coro

  127. Loris Says:

    BERTOLASO VATTENE SUBITO E DIMETTITI,SEI UN INCOMPETENTE E NON E’ LA PRIMA VOLTA CHE PER COLPA TUA DELLE PERSONE CI RIMETTONO LA VITA.COSA DIRAI ADESSO A GIULIANI??? LUIAVEVA NON RAGIONE,DI PIU’,E TU LO HAI DENUNCIATO PER PROCURATO ALLLARME???
    SEI UN INCOMPETENTE STUPIDO E BORIOSO VORREI CON TUTTO IL CUORE CHE TU E LA TUA FAMIGLIA FOSTE STATI A L’AQUILA NELLA NOTTE DEL CATACLISMA SAREI STATOO CURIOSO DI VEDERE SE TU SARESTI ANDATO A DORMIRE TRANQUILLAMENTE.dOVREBBERO METTERTI SOTTO PROCESSO,TU DEVI DARE ASCOLTO ALLE PERSONE PERCHE’ TUTTI SIAMO CAPACI DI GIOCARE CON LE VITE ALTRUI.VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!VERGOGNATI!!!

  128. Loris Says:

    IN RISPOSTA A GEOGE HALES,
    SECONDO TE GIULIANI COSA AVREBBE DOVUTO FARE?NON PENSI CHE SIA STATO IN “QUALCHE MODO”COSTRETTO A DIRE CIO’?
    PERCHE’ LUI E LA SUA FAMIGLIA SONO SANI E SALVI,NONOSTANTE IL TERREMOTO?
    AVEVA AZZECCATO LA PREVISIONE E LA NOTTE DEL TERREMOTO LUI E LA SUA FAMIGLIA IN CASA NON CI SONO STATI.SE QUELL’IM****LLE DI BERTOLASO AVESSE SOLO PROVATO A CERCARE SPIEGAZIONI CON GENTE PREPARATA(NON SICURAMENTE LUI)SI QUESTO SCIAME DI SCOSSE OGGI PROBABILMENTE STAREMMO QUI A TESSERNE LE LODI INVECE COME E’ GIA’ SUCCESSO IN PASSATO LUI VIENE COPERTO ED ALLA FINE CI RIMETTONO GLI ALTRI.EEHH NO’ STAVOLTA DEVE PAGARE E PAGARE SALATISSIMO PER TUTTI GLI ERRORI STUPIDI CHE HA FATTO CAUSANDO CON LA SUA BORIA LA MORTE DI CENTINAIA DI PERSONE.
    BERTOLASO SEI UN BUFFONE IPOCRITA,VATTENEDI GENTE COME TE IN ITALIA CE NE ANCHE TROPPA.
    PRESIDENTE DEL CONSIGLIO BERLUSCONI PRENDA PROVVEDIMENTI DRASTICI CON QUESTA GENTE FACCIA VEDERE CHE FINALMENTE LO STATO ITALIANO ESISTE ED E’ GIUSTO,ALMENO UNA VOLTA.QUI NON C’ENTRA LA POLITICA MA IL BUONSENSO.LORIS BARBI

  129. lorenzo Says:

    IL TERREMOTO IN ABRUZZO. L’AQUILA. Continua ad imperversare la polemica su Giampaolo Giuliani, il ricercatore dei laboratori del Gran Sasso che sostiene la possibilità di prevedere un evento sismico grazie a una rete di rivelatori di concentrazione di gas radon.

    Le sue teorie, che hanno fatto molto discutere, sono da tempo conosciute in Abruzzo. Ma da lunedì scorso lo scienziato imperversa nelle trasmissioni televisive. E si sono formati due schieramenti separati: uno che crede negli studi del ricercatore, un altro che invece sostiene che non ci sia niente di fondato.
    Ieri il capo della Protezione civile Guido Bertolaso in conferenza stampa da Coppito ha detto che non intende più parlare della vicenda. «Allo stato – ha detto Bertolaso – è impossibile prevedere alcun evento sismico di qualunque genere. Mi sono stufato di ripeterlo in tutte le situazioni, ma è necessario capire una volta per tutte che dal punto di vista scientifico non è possibile prevedere terremoti nella localizzazione, entità e temporalità. Questa è la scienza».
    Ma oggi il rettore dell’Università di Trento, il fisico Davide Bassi dice che giuliani è una persona «attendibile».
    «Giuliani», ha detto Bassi, «è un tecnico nel campo della fisica nucleare e delle particelle subnucleari e dal tipo di competenze che ha non è l’inventore pazzo da sottovalutare o insultare».
    E’ plausibile, quindi, secondo il rettore, «che i movimenti del sottosuolo possano aumentare la produzione di radon. Quello del radon può essere un indizio che va approfondito «senza preconcetti».
    Ed è forte anche la polemica a distanza tra Giuliani e il presidente dell’istituto nazionale di geologia e vulcanologia. Il tecnico che sostiene di aver previsto il terremoto, spiega sul sito Affari Italiani.it di aver «contestato a Boschi che era falso quello che ha detto il sindaco (di Sulmona). O lui ha capito male o il sindaco era un bugiardo. Perchè io ho detto esattamente il contrario di ciò che lui ha dichiarato: ho detto alle 15,30 al sindaco che poteva rassicurare tutti perche’ fino alla mezzanotte non ci sarebbero state scosse, neanche di assestamento. Avrei continuato a monitorare la situazione e se avessi trovato qualcosa di pregiudizievole li avrei chiamati io stesso. Dalle 15,30 non li ho più chiamati perche’ stavo controllando invece la situazione che andava crescendo a L’Aquila, dove ci sarebbe stato il giorno dopo il sisma di quarto grado».
    Ho detto loro: «non vi preoccupate, se dovessi vedere delle anomalie vi richiamo io. Ma rassicurate la popolazione, possono rientrare alle case perche’ fino alla mezzanotte non ci saranno a Sulmona altri eventi. Come si fa da queste parole, ‘non ci saranno altri eventi, rassicurate la popolazione’ – aggiunge Giuliani – a dire ci sara’ un evento catastrofico?».
    «Gia’ ho un avviso di garanzia», ha detto ancora Giuliani, «che sono convinto che dopo la trasmissione di ieri sera sara’ ritirato e spero che non sara’ nemmeno presentato. Comunque, se la cosa dovesse andare avanti, il mio avvocato li denuncera’ per falso, per ricatto, per tutto. Ci sono anche testimoni». Cioe’? «Un testimone della Commissione Grandi Rischi mi ha confermato che ha ascoltato cio’ che avrebbero dovuto fare nei miei confronti. E il mio avvocato tirera’ in ballo tutte quelle persone di cui siamo a conoscenza che hanno tirato su questa cosa. Non mi faccia dire cose pero’ che mi si possano. Mi hanno telefonato tutti, anche tantissime persone che hanno seguito la trasmissione e mi hanno chiesto scusa a nome loro». A nome di Boschi? «A nome di Boschi, di Bertolaso e di tutti quelli che hanno parlato contro di me».

  130. ME Says:

    A Franco (vigile del fuoco),
    Premetto che il vostro lavoro è duro e pieno di pericoli e non è riconosciuto dallo stato come dovrebbe (come tanto altro che è meraviglioso o palese e lo stato se ne sbatte)..
    Quello che io mi chiedo è:
    Perchè quando c’è il modo di prevedere una cosa si fa finta di niente, perchè tanto alla fine si debbono spendere troppi soldi per ovviare ad una tragedia?

    Dico, ma la popolazione.. è davvero così addormentata da non potersi coalizzare nel bene, gestirsi ed aiutarsi, sapendo ciò che potrebbe succedere?
    Perchè deve per forza esserci la protezione civile, i mezzi e i vigili del fuoco perchè la gente si mobiliti verso la salvezza?

    Questo Capo Protezione civile (che non mi sento di definire Uomo) poteva benissimo limitarsi ad avvertire la popolazione e dire: “Gente, la situazione è questa! Chi può, come può, e sopratutto con molta autela, senza panico etc.. etc.., si organizzi in gruppo per raggiungere una zona meno pericolosa (aperte campagne ad esempio). Non abbiamo abbastanza mezzi per organizzare noi una mobilitazione, ma se siamo uniti e non ci mettiamo paura, perchè i terremoti sono naturali, possiamo evitare una catastrofe!”

    Ovviamente questo lo avrebbe fatto se avesse dato ascolto e tempo a Giuliani di essere sereno al punto giusto da individuare esattamente (grazie ad un team di gente che lo aiutava in questo) quando il terremoto si sarebbe verificato! Avrebbero avuto il tempo, intanto di avvertire la popolazione che era possibile un eventuale terremoto, quindi la gente preso atto di questo si sarebbe organizzata, dopodichè, saputo esattamente quando sarebbe avvenuto, avrebbero avuto il tempo (viste le ore di anticipo della previsione) di spostarsi senza causare incidenti o danni..

    Mi meraviglio come noi italiani ci siamo così lasciati andare: “Se non ci sono i soldi per mobilitare i mezzi, meglio morire e fare finta di niente, anche se lo avevamo previsto ore ed ore prima”
    E’ un modo di vedere un tantino lascivo e superficiale…
    Ogni essere umano in se ha la forza di agire, se solo lo si mette in condizione di poterlo fare (lo si avvisa prima, dato che abbiamo perso gli istinti e ci rivolgiamo alle macchine per capire le cose….) tutto qui, sarebbe bastato questo.
    Oppure si crede che la gente sia un ammasso di pecore imbizzarrite e che non gli si possa dire nulla perchè non potrebbe capire? Se è questo che pensano le autorità ed è questo il motivo per cui nessuno ci avvisa e si denunciano a vicenda per evitare allarmismi, bè….. siamo messi male, ma davvero molto male!

    Cmq, la ringrazio infinitamente, lei e i suoi colleghi (che in tutto questo, a parte le vittime, siete quelli che ne fate le spese maggiori) per tutto quello che fate in queste situazioni drammatiche, grazie davvero.

  131. Marco Says:

    mi è stato riferito che nel terremoto del 71 che colpì ancona, buttando giù molti palazzi vecchi, non ci sono stati morti solo perchè il sindaco di quella volta fece andare via tutte le persone che abitavano in quelle case, e anche quelle limitrofi che poi non sono cadute, per qualche settimana. Che è successo? Che all’inizio la cittadinanza si arrabbiò con il sindaco per la decisione presa poi lo ringraziarono ritirando tutto. Io non ero nato questo mi è stato riferito da chi c’era.

    intendo dire che se era stato dato un allarme vero o falso che sia si poteva pur sempre controllare prima di dire no non è possibile.
    Anche se non lo riteneva possibile avrebbe potuto, dato il prolungarsi di queste serie di terremoti definito sciame, mettere in allarme molto prima la protezione civile. per fortuna che i vigili del fuoco (anche se da parte loro ci si può aspettare ben poco visto che da quello che ho letto gli stanno praticamente levando tutto e che non gli danno nemmeno le attrezzature di ultima generazione pultroppo) sono entrati subito in zione.
    Se avete sentito i primi notiziari del primo terremoto non hanno detto protezione civile ma VIGILI DEL FUOCO.

    siete grandi ragazzi su di voi si può sempre contare

  132. Radon, Giuliani, satelliti e prevedibilità terremoti | Il mondo visto da me Says:

    [...] in termine tecnico si dice sciami). Il giorno 24 marzo 2009 il famoso Giampaolo Giuliani sul blog Donne Democratiche in una intervista in cui vantava la possibilità di prevedere i terremoti, tra le altre cose ha [...]

  133. Dany Says:

    Intanto non esiste nessun Prof. o Dott. Giuliani poichè non risulta che questa persona abbia conseguito nessun tipo di laurea…..e già si sta guadagnando titoli che non gli appartengono…questa storia mi ricorda un po’ un certo Dott. Di Bella in relazione ai tumori….MAH…mi sembra così strano che gli intelligentissimi Americani ed i super-tecnologici Giapponesi ancora stiano lì a combattere con questi terremoti così facilmente prevedibili!!!! …tanto più che ora com ora il sig. Giuliani mi sembra molto più interessato a ricevere le “sue” scuse…la scossa delle 19:42 l’ha prevista?? Ah no…scusate…i macchinari erano fuori uso…..

  134. Marco Says:

    Anche io voglio riservare un pensiero dolente ed una preghiera di partecipazione e di speranza per un futuro senza dolore e sofferenze inutili per i morti del terremoto in Abruzzo, per i feriti e gli sfollati e per tutti i loro amici e familiari che rimangono in balìa degli aiuti esterni, avendo perso forse ogni loro bene, sia umano che materiale.

    Colgo l’occasione di questo blog ben gestito e fruibile per rivolgere un pensiero di incoraggiamento anche a Giampaolo Giuliani (tecnico, dottore, professore, senza laurea non interessa, credo): non fermare i tuoi studi e fatti forza di tutti gli incoraggiamenti di luminari e di semplici persone che aspettano soltanto una verifica dei tuoi studi.

    Un complimento anche a Claudia del 7 aprile delle ore 5:00 pm per il suo bellissimo commento, d’accordo con il tuo pensiero, bravissima.

    “# claudia Says:
    Aprile 7th, 2009 at 5:00 pm

    Non lasciamo che la cosa pubblica, specialmente in occasione di queste tragiche occasioni, rimanga una cosa riservata ai politicanti di professione (si, anche quelli che amano distinguersi dicendosi fare altro, ma poi riducendosi a fare politica partigiana).

    Marco

  135. Giovanni Says:

    Salve!!

    Mi chiamo GIOVANNI e scrivo dalla TOSCANA.

    Non sono un FISICO né tantomeno un SISMOLOGO (sono un ECONOMISTA) ma mi ha molto incuriosito per non dire scioccato la vicenda legata alle dichiarazioni e alle ricerche del Sig GIANPAOLO GIULIANI nonché alle sue previsioni, poi azzeccate, di un terremoto catastrofico nell’area di Aquila.

    Ora siccome l’informazione in ITALIA è, tranne poche eccezioni (vedi ad es il servizio inquietante di STRISCIA LA NOTIZIA di un paio di giorni fa), manipolata e spesso in malafede, mi chiedevo se vi fosse la possibilità di contattare via email il Dr GIULIANI per fargli alcune domande che i MEDIA e i giornalisti asserviti al sistema hanno pensato bene di non fargli, come ad es chiedergli perché secondo lui tutti gli scienziati e sismologi italiani e nel mondo lo hanno zittito immediatamente dandogli sostanzialmente del “cialtrone”.

    Per quale motivo è avvenuto questo secondo voi?

    Voglio dire perché tutti i sismologi e geologi del mondo, tranne un russo citato ieri da VESPA di cui non ricordo il nome (qualcuno se lo ricorda??), hanno categoricamente smentito quanto affermato dal Sig GIULIANI, liquidando la vicenda come un “caso fortuito”??

    Forse perché il Dr GIULIANI è un piccolo pesce in mezzo ad un mare di “squali” che campano con le conferenze stampa, le interviste in TV e sui giornali, le ricerche sussidiate dallo Stato e con le consulenze scientifiche basate su teorie ortodosse a cui tutti, volendo, possono avere accesso??

    Tra l’altro questa è una vicenda che assomiglia molto a quella di qualche anno fa della cosiddetta cura anticancro Dr DI BELLA (ricordate??), finita poi nel nulla…LOL!!

    Non vorrei che il Sig GIULIANI faccia la stessa fine…

    Però mi chiedo:

    ma come mai il Sig GIULIANI non ha un sito o un blog dove mettere a disposizione dei suoi colleghi e/o lettori i risultati delle sue ricerche??

    Come mai non esiste una sua email con cui mettersi in contatto con lui?

    Se non lo ha, per favore che qualcuno lo esorti ad aprirlo dato che questo non è il momento di nascodersi né tantomeno di fare la vittima, facendo il gioco dei soliti noti esperti in mistificazione della realtà, anche perché, come si può notare nel link sottostante, le parole del Dr GIULIANI hanno fatto il giro del mondo:

    http://www.google.it/search?hl=it&q=giampaolo+giuliani+predicted+earthquake&btnG=Cerca+con+Google&meta=&aq=f&oq=

    Saluti

  136. mah Says:

    ma è possibile che siate tutti così boccaloni? studiate un po’ prima di dare del genio a un qualsiasi individuo che se ne esce con le sue frasi ad effetto..

  137. sergio Says:

    ma finitela con sta storia del prof. e della laurea o non laurea, dove è finito il buon senso? Qui 260 persone hanno pagato con la vita, migliaia di feriti e decine di migliaia di sfollati; lasciate a loro dire se era meglio vivere una settimana o due in una tenda in attesa della scossa devastante, piuttosto che vedersi cadere la casa addosso! E se a dirglielo è o non è un prof. o laureato, pensate che abbia importanza quando la posta in gioco è la vita? E intanto, mentre quà si continua a dibattere su scuse meritate o no, su immeritate poltrone di chi le occupa, su ciarlatani veri o presunti e laureati o no, all’estero il sig. Giuliani è già famoso e non meno quello che gli è accaduto. Provate a dare un occhiata, basta digitare qualche parola in inglese come “earthquake” abbinata a Giuliani per imbattersi nei relativi forum. ….e si, internet è proprio potente, è da una di queste letture che si apprende che lo stesso Giuliani ha dovuto “oscurare” gli allarmi lanciati via internet, tramite il sito della sua azienda privata S.C.S. . Sarebbe interessante pensare che qualcuno, in Italia si stia muovendo per offrire mezzi adeguati a questo signore per proseguire i sui studi, o dobbiamo aspettarci che dall’ estero arrivi una allettente proposta di lavoro con tanto di finanziamenti e team a disposizione? No, non è una previsione, io non ne faccio, è un déjà vu. Non sta a me dire se ha ragione Giuliani, certo è che se avesse adeguati mezzi potremmo metterlo alla prova. Comunque, prima di sparare a zero, meglio dare un occhiata; qualcosa delle sue ricerche c’è:
    http://www.molecularstation.com/forum/forum-chimica/27878-i-terremoti-si-possono-prevedere.html
    http://www.ecoblog.it/post/6186/terremoti-si-possono-prevedere-secondo-un-italiano-si
    http://www.chiocciolandia.it/index.php?option=com_docman&task=cat_view&gid=14&dir=DESC&order=name&Itemid=38&limit=5&limitstart=0

  138. Dany Says:

    Sì sì…peccato che il sito http://www.chicciolandia.it abbia cancellato tutti i vecchi links e le informazioni!!! …e l’altro articolo? Città americane, giapponesi ed altre sarebbero prontissime a finanziare il progetto…ma Giuliani è un “abruzzese campanilista” e quindi……………………

  139. Kataweb.it - Blog - alberto15454 » Blog Archive » dal Corriere della Sera 9 aprile Says:

    [...] Intervista a Giampaolo Giuliani (da Donnedemocratiche.it) [...]

  140. Ruclimbgra Says:

    Per favore, dott. Giuliani la invito, a questo punto, a raccontare se e come le agenzie governative dello Stato Italiano hanno prestato attenzione alle sue indagini, argomentazioni, considerazioni e parziali conclusioni. Questo perchè un fatto è ampiamente certo: la gente aquilana che in qualche modo ha raccolto e preso sul serio il suo lavoro e la sua attività si è salvata anche inventandosi, magari, delle strategie per fronteggiare l’eventuale effetto sorpresa del terremoto che, non dimentichiamolo, purtroppo, durante la notte ha il maggior effetto sorpresa e che, sempre di notte, nelle abitazioni dovrebbe esserci la maggior parte delle persone di tutte le età.
    Allora una proposta potrebbe essere, ad esempio, quella di dotare per legge tutte le abitazioni che insistono su quei territori estremamente vulnerabili ai terremoti di segnlatori luminosi, audio ed SMS in modo che la popolazione possa essere informata quando gli indicatori scientifici fanno ipotizzare la possibilità che si manifesti un terremoto. La popolazione così potrà decidere se restare a dormire in casa o per esempio presso il Dormitorio della Protezione Civile. Naturalmente i Dormitori appositamente predisposti andrebbero realizzati solo ed esclusivemente nelle zone a rischio elevato ma con attività sismica in corso. E voglio ricordare che a L’Aquila era da più di un mese (qualcuno ha detto da ottobre scorso) che vi erano importanti fenomeni sismici.
    Ascoltando le interviste al dott. Giuliani sembrerebbe che dopo la denuncia ad opera del Dott. Bertolaso il fisico dell’IFN del Gran Sasso ha stoppato le sue attività perdendosi proprio i dati sui repentino cambiamenti della concentrazione del gas radon, dati che avrebbero innalzato il livello di guardia almeno per coloro che credevano alle evoluzioni scientifiche del dott. Giuliani.
    Ancora per ora non possiamo sapere come, dove e quando si manifesterà un terremoto però possiamo prepararci all’eventualutà che esso accada così come è stato per il fenomeno terrorismo.
    Ma a livello scientifico questa storia mi ricorda tutta la faccenda dell’oncologo che riusciva ad ottenere ottimi risultati con l’interazione attenta di alcun farmaci antitumorali della c.d. cura Di Bella.

  141. Masc Says:

    Enzo Boschi, insigne geologo, direttore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia scredita Giuliani e dice: “Di questa previsione non siamo mai riusciti a vedere un documento, si sa solo che questo signore aveva lanciato un allarme per Sulmona, dove non è poi successo niente, e per giunta una settimana fa. Se gli avessimo dato retta, probabilmente avremmo evacuato la città di Sulmona portando le persone proprio a L’Aquila, creando in questo modo i presupposti per una tragedia ancora più grande”.

  142. eriamj Says:

    Vi segnalo anche questo a riguardo di Giuliani:

    http://idiotaignorante.splinder.com/post/20284147

  143. Daniela da Ortona Ch Says:

    Tutta la mia solidarità al Sig.Giuliani.Mi sono sempre documentata sui precursori sismici,ho addirittura scritto all’INGV e ad alcuni studiosi di Modena che si occupano del monitoraggio del radon nelle salse di nirano.A mio avviso la teoria di Giuliani è valida,il radon è un ottimo precursore sismico.Bisogna finanziare la ricerca,perchè in italia noi abbiamo tanti cervelloni, che non vengono,purtroppo presi in considerazione e a cui non viene dato il giusto merito.vorrei chiedere un informazione qualcuno ha l’indirizzo e mail del dott.Giuliani?non riesco a trovarlo in rete.se qualcuno ne è a conoscenza inviatemelo il mio indirizzo e mail è samantasky@virgilio.it.
    quando c’è stata la prima scossa io mi trovavo ad avezzano l’ho sentita benissio è stata una scossa INTERMINABILE.In questi momenti bisognerebe unirsi e collaborare insieme senza far polemiche inutili, e bisogna ricordarsi sempre che la vita è una sola e va tutelata AD ogni costo!trovo veramente VERGOGNOSO che una persona come Giuliani sia stata denunciata per allarmismo….qual’è stata la sua colpa????cercare di essere ascoltato per evitare di far morire meno gente possibile?cè veramente da meditare !!!
    auguro a tutti buona pasqua

  144. Alessandra Says:

    Io non capisco molto di sismologia dato che non è il mio lavoro,ma credo che se per mesi e mesi ci sono scosse di terremoto in una zona tanto da indurre il sindaco a chiudere le scuole per ben 2 volte per fare sopralluoghi, qualche preoccupazione ci sia.
    non si poteva preparare la popolazione adeguatamente..c’erano state ben 2 scosse forti una alle 23 l’altra alle 01. Secondo me in tutti questi mesi c’era stato il tempo necessario per trovare un modo per evitare le drammatiche conseguenze di questo dramma..
    Come diceva sempre mia nonna meglio aver paura che toccarne.. ora credo che sarebbe il caso di cominciare a capire quello che Giuliani stà studiando..un pò tardi purtroppo.

  145. cito pensieri altrui Says:

    cito queste riflessioni:

    “Giuliani vs. Bertolaso
    Questo è forse l’argomento in cima all’hit-parade, espresso solitamente nella forma “Giuliani aveva previsto tutto ma Bertolaso non l’ha preso sul serio perché è un tecnico!”, con variante “… ma la sua teoria metteva in crisi l’estabilishment scientifico che quindi l’ha subito zittito e isolato!”. Personalmente di geologia e sismologia non so una segaccia nulla, posso solo fare due ragionamenti sulla capacità predittiva della teoria che ha portato Giuliani a dare l’allarme, peraltro sbagliando tempo e luogo dell’epicentro. La teoria di Giuliani mette la variazione della concentrazione di radon nel novero dei segnali premonitori di un sisma – dice, la teoria, che tenendo conto anche di questo si possono prevedere i terremoti con un anticipo considerevole (24/48h mi pare). Se guardo le caratteristiche del radon, vedo che è diffuso su tutta la superficie terrestre e che ci sono molti fattori in grado di variarne la concentrazione. Per verificare la teoria di Giuliani, ci vorrebbe un imponente lavoro di validazione statistica esteso a tutta la crosta terrestre, che prenda in esame il tipo di suolo e le condizioni atmosferiche, e monitori costantemente e per lungo tempo la variazione di radon in corrispondenza di eventi sismici (dalle scureggine alle catastrofi); dopodiché un bel lavoro di datamining permetterebbe di scoprire le correlazioni e raggruppare per classi temporali gli elementi predittori di un sisma. Da notare che tutto ciò sarebbe possibile solo in molti anni di rilevamento (decine, probabilmente). E non solo: i costi di una simile ricerca sarebbero stratosferici, perché il radon è comune, ma essendo inodore, insapore e incolore va rilevato e misurato con strumenti atomici. Passare al setaccio la crosta terrestre per decenni con strumenti atomici, e tutto quel che ne consegue in termini di personale, mezzi, etc. ha costi mica da ridere, non ci vuole un genio per immaginarlo. Dal momento che l’utilizzo del radon per la predizione dei sismi non ha dato finora risultati molto soddisfacenti, se non per pochi luoghi dalle caratteristiche assai specifiche, investire su questo tipo di ricerca a lungo termine non pare affatto sensato. Di conseguenza, dando per scontata la buona fede, se (ripeto e sottolineo, se) Giuliani è andato da Bertolaso fornendo come unico argomento la variazione di radon, allora Bertolaso ha fatto bene a non ascoltarlo e a non mettere in allerta la popolazione. ”

    “Ma infatti. Che si deve fare, un’evacuazione di massa per ogni predizione sismica? La cosa che avrebbe dovuto far riflettere e preparare ad un eventuale peggio era invece lo sciame precedente, ci sono scosse da due settimane e non entri un minimo in allerta? Mah..”

    “Sfido chiunque ad evacuare una regione e mantenere lontani gli abitanti dai caseggiati per 3 settimane…

    Per uqnto riguarda la tempestività dei soccorsi, penso che sia stata quasi eccezionale: ricordiamo gli USA qualche anno fa di fronte al disastro di Katrina (e lì era più che previsto e sbroc sbroc); per cui teniamoci stretta la Protezione Civile italiota che è una delle poche cose che funzionano nella nostra penisola, con buona pace degli sciacalli (tipo grillottieri e travagliati).”

    questo per dire BASTA all’idolatrare Giuliani come se fosse un profeta veggente infallibile e unto del signore e all’infamare la protezione civile come se l’avessero fatto apposta loro a far crollare gli edifici

  146. Ruclimbgra Says:

    Credo che la saggezza popolare sia di gran lunga superiore a quella della politica. È opportuno che tutte le istituzione locali del paese che rappresentano il governo centrale e lo stato eseguano a tappeto controlli su:

    - scuole d’ogni ordine e grado
    - ospedali
    - prefetture
    - centri commerciali
    - convitto
    - caserme
    - tribunali
    - ostelli
    - e quant’altro abbia valenza pubblica (p.e.: centri sociali per anziani, bambini)

    Questo controllo a tappeto va concepito allo stesso modo in cui si concepisce la giornata dei denti, del seno, della prostata, dell’aids, ecc. cioè deve essere attribuita una valenza simbolica molto forte. Quindi proporre, promuovere e realizzare un controllo a tappeto con “La settimana del controllo strutturale” su tutto il territorio nazionale.
    Raccogliere i dati e stabilire una priorità per gli interventi di urgenza con l’obiettivo, di consolidare e mettere in sicurezza gli edifici come PREVENZIONE del rischio sismico.
    Inoltre, che si diano incentivi da subito per costruire i precursori sismici inventati dal dott. Giuliani, o migliorandoli se occorre, e che siano collocati in tutti i territori sensibili come dotazione di base alle università, alle prefetture, alle Caserme dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile al fine di creare, se le apparecchiature funzioneranno realmente (come io credo),la Rete Italiana dei Precursori Sismici.
    Questo Governo che ci governa si dia un tempo magari usando il “100″ a cui sembra scaramanticamente affezzionato e cominci da subito!
    Dimissioni inamovibili di Bertolaso!
    Ci sono le forze e le energie necessarie per fare tutto questo se è vero, come è vero, che l’Italia è un paese a rilevanza sismica importante.
    Il Governo si impegni in questo progetto, risolva il problema dell’acqua in Sicilia e allora forse potremo riparlare del ponte sullo stretto proprio in Sicilia.
    Che sia interpellata l’Associazione dei Costruttori Edili in merito al problema delle amalgame cementizie e delle realizzazioni antisismiche.
    Ancora:
    Che il Governo metta in condizioni qualunque Circoscrizione Giuridica condurrà le indagini sulle macerie di L’Aquila e provincia, di lavorare e giungere ai giudizi utilizzando le effettive risorse di cui la magistratura ha bisogno, al fine di realizzare una giustizia certa ed in tempi accettabili
    senza attendere anni. E quindi che la lenta magistratura italiana, azzoppata da una lunga politica che ha ostacolato il servizio della giustizia per via degli interessi privati, rincominci da qui, da L’Aquila!, ottenendo strumenti, energie fisiche e risorse per dare il Servuzio di Giustizia DOVUTO ai CITTADINI ITALIANI.

    Consigli per gli acquisti: quando acquistiamo le nostre case impariamo a chiedere se gli immobili sono antisismici entrando nel merito delle certificazioni, perchè purtroppo non dimentichiamo che l’Italia è un paese popolato, oltrecge da persone solidali come gli aquilani d’abruzzo e di tutte le altre regioni che hanno vissuto il terremoto, o come la Puglia quando accolse il popolo dell’Albania, o come la Sicilia con gli immigrati, anche da ingannatori incantatori di serpenti e falsari vedi il caso PARMALAT e CIRIO.

    Buon lavoro a tutti

  147. Giampaolo Giuliani e il radon « Dariorusso’s Blog Says:

    [...] sole del sistema Terra-Luna con Venere allineato – spiegava lo stesso Giuliani in un’intervista a DonneDemocratiche il 24 Marzo ma mi sento di tranquillizzare la popolazione, verso fine di Marzo lo sciame sismico [...]

  148. anna Says:

    Se fosse certo che Giuliani aveva torto, sarebbe bastato ignorarlo, invece che, grottescamente, denunciarlo.
    Razionale sarebbe commissionare ORA (mentre le scosse ci sono ancora) ulteriori studi per accertare o smentire quelli di Giuliani.
    E per chi continua ad infangarlo senza buon senso (è laureato, non è laureato…..), è d’obbligo ricordare che, ad es., Antony Van Leeuwenhoek inventò il microscopio, pur essendo solo un usciere al tribunale di Delft e non ufficialmente uno “scienziato”.
    In ogni caso, che non venga lasciato solo a gestire ora l’iter dell’inverosimile denuncia davanti alla Procura.

  149. sgnxxx Says:

    vorrei chiedere se il terremoto segnalato presso Sulmona il 29 marzo e’ quello previsto da Giuliani, per il quale si e’ preso una denuncia per procurato allarme.
    il terremoto di grado 3.8 si puo’ vedere presso questo sito, zoomando su Sulmona

    http://www.earthquake.it

    grazie

  150. Giulio Mancabelli Says:

    Qualsiasi nuovo paradigma è mai stato ben accetto dalla Casta a Regime!
    Così continuando dimostriamo sempre più la nostra italica inadeguatezza tale da privarci quelle prerogative necessarie a prospettarci un futuro migliore anche per i nostri figli dato il morbo dell’obsolescenza che ci assilla che continua a rafforzarsi per la scarsa memoria storica che ci assilla e sembra qualificarci “politically” come smemorati; atteggiamento che manteniamo su molti fronti e livelli. Forse per il fatto che in qualsiasi altro Paese “estero” rispetto al nostro, chi colto in fragrante solo per espressa “contraddizione” per lo “sdegno” che gli deriva, tenderebbe dimettersi dai ruoli istituzionali che starebbe a svolgere. Viceversa da noi, la tracotanza si è evoluta in modo tale da trasformarsi in vanteria anzi, da come si muovono le “cose nostre ”, questo atteggiamento tende sempre più istituzionalizzarsi. Questo purtroppo sembra essere quanto ci ritroviamo in corso d’attuazione… Giacché, l‘atteggiamento di smemoratezza per le suddette “cose nostre” anziché essere letto come attenuante dovrebbe indicarci che la misura è colma e che si dovrebbe cambiare, in quanto siamo ben oltre ogni ammissibile limite subliminale di morale e di etica!? In quanto, da noi, tutto risulta ripiegato su se stesso, sul passato anzi trapassato, dato il sempre più ripetitivo “caraoke” echeggiato dai media, trito e ritrito di soliti propositi più volte ribaditi (ancora da leopardiani tempi) sempre più disattesi, rispetto ha quanto precedentemente dichiarato voler risolvere da una siffatta classe politica arrivata ormai a potersi nominare per implicitamente dimostrare, senza alcun scrupolo, del rendersi sempre più autoreferenziale in coerenza al sol fatto che alcun poter si autolimita! Dove, con la scusa della semplificazione anziché “imitare” comportamenti etici da altri paesi vicini cerca di importarci un forzoso (pedissequo ripetitivo) maggioritario a bipartitismo sempre più blindato, privilegiato e chiuso tale da definitivamente istituzionalizzarsi come casta, in modo tale, da far invidia ai più satrapi modelli assolutisti che si pensava aver storicamente superato. Invece, volenti o nolenti assistiamo sempre più ad una “sistemica secolarizzazione della restaurazione che sta trasformandosi in regime!” Proprio così, ormai si vive in modo retroverso giacché, tutto viene rimesso alla sola volubilità del partito/politico di turno che gioca sull’oblio della suddetta memoria storica ed anacronisticamente si accelera per procedere a dichiarare la fine della storia!
    Ciò è dimostrato dalle palesi inadempienze rilevate anche nelle più tragiche recenti situazioni quanto abbiamo dolorosamente assistito al terremoto di L’Aquila.
    Proprio perché l’Italia è un Belpaese che presenta il 60% di territorio a rischio sismico con una criticità incisa nel sua DNA e constato che non è il terremoto che uccide ma, sono i materiali con i quali si costruisce che possono uccidere le persone in quanto è l’uomo a doversi adeguare a costruire conseguentemente in modo adeguato sicuro! Accettato che purtroppo oggigiorno non sia ancora possibile preveder i terremoti in tempi certi ma, per altro verso è innegabile il fatto che a lungo andare qualsiasi struttura che subisca continuativi sciami sismici, ben oltre trecento 300 sembrano esser stati quelli che hanno anticipato un’onda sussultoria maggiore: ineluttabilmente quest’ultima ha segnato quanto precedentemente compromesso e molte infrastrutture hanno ceduto. Questo purtroppo, è quanto sembra esser accaduto a L’Aquila in analogia a quanto storicamente taluno ha riportato sia già accaduto nei medesimi termini con sciami sismici, nel lontano 1703 ed abbia prodotto allora ben 2500 vittime. Pertanto, bisognerebbe lavorare molto sulla tutela del territorio e per la prevenzione e non sul solito postumo dopo ogni disastro ma tenendo maggiormente conto di quella suddetta preziosa “memoria storica”, quanto badando anche a tutta la letteratura scientifica sin qui prodotta da “i profeti del terremoto” così come badando a quanto possibile raccogliere ed a quanto in natura si manifesta rappresentato dall’atteggiamento e comportamento degli animali ai segni geologici dall’intorbidamento delle acque alla diversa emissione dei gas (radon). Così come sarebbe opportuno badare a tutti coloro che prestano un incontrovertibile scientifico approccio senza doversi ritrovare denunciato per “arrecato falso allarme” dopo essersi arrovellato e prodigato in galileana maniera alla ricerca di soluzioni più innovative a quanto nuovi paradigmi permetterebbero un più pertinenti approccio questo sembra esser accaduto al Prof. G. Giuliani. Proprio perché non tutti i terremoti sono uguali si rende necessario un continuo monitoraggio sia macro… quanto considerare le micro reazione delle caratteristiche geologiche che ogni sito presenta… questo in modo costante e, prima di poter procedere a costruirvici alcunché, prestando opportuna accortezza sul come si costruisce in termini antisimici.
    Pertanto viviamo un Belpaese che dimostra sempre più di non sapere e non volere pianificare il proprio territorio e conseguentemente ciò incide ineluttabilmente anche sul tempo vincolando così ogni migliore prospettiva per il futuro incidendo anche in quello dei nostri figli. Giacché si vive in continuazione nell’effervescenza ovvero quella del dar parvenza di cambiare tutto simulando efficienza ma, per poi non cambiare mai gattopardescamente niente e sempre facilmente continuare a cambiare ciclicamente “casella” per semplicemente rimettersi a quella precedente od al massimo ad una nuova altrettanto parziale, ben guardandosi dall’acquisire modalità sistemiche complete se non quello del volersi aumentare come casta la posta in gioco e renderla sempre meno profittevole al Belpaese nel suo insieme!
    Gioco la cui gestione praticamente assolve a rendere sempre più intransitiva la sola casta e per mantenere sempre transitivo il meccanismo elettorale Appunto, tutto questo per sostanzialmente imbrigliarci sempre nel medesimo gioco dell’oca adottando modelli elettorali dell’anatra zoppa: l’italico afflato-imprinting di un camaleontesco trasformistico procedere del rendere l’emergenza, la precarietà un’anacronistica nuova stabilità giocando sull’oblio del passato quale costante “speculativa” deterrenza!
    Modalità indispensabili per non continuare a prestare il fianco e lasciare spazio all’autoreferenziali di perniciose facili speculazioni: quelle delle creatività costruttiva visti i numerosi antefatti su tutto l’arco dell’italica superficie. Giacché è stata la sfrenata creatività costruttiva slegata da qualsivoglia regola che ha fatto crollare edifici precedentemente qualificati come antisismici uccidendo innocenti. E’ stata la sregolatezza, la superficialità che ci ha dimostrato concretamente l’inadeguato, inappropriato e/o sottodimensionato utilizzo degli elementi cementizi e ferrosi il cui impiego non sono stati per niente controllati per quanto attenga ai protocolli costruttivi antisismici: una manchevolezza che ha prodotto ben 300 innocenti vittime! Pertanto, non si può bypassare la responsabilità delle vite umane, soprassedendo a quanto sarebbe opportuno sempre più sondare prima di decidere o non decidere sul da farsi… pretendendo solerzie solo a livello postumo, dopo ogni disastro, in quanto bisognerebbe avere il coraggio di considerare l’esigenza che il nostro tempo pretende, grazie a quanto le sempre nuove tecnologie informatizzate permettono l’acquisizione di paradigmi più aggiornati e pertinenti ad una siffatta nuova realtà! In quando questo mondo “encefalizzandosi” sempre più grazie alle suddette nuove tecnologie ed ad internet, renderà la connettività sempre più pervasiva un “must”, che irreversibilmente permetterà di spezzare ogni circolo vizioso auto evolvente per far innestare quel altrettanto inconvertibile processo indispensabile a far emergere sempre più le contraddizioni e riconoscere per indotta concorrenza la necessità ad acquisirne di sempre nuovi e più completi sistemi ad intrinseca modalità “a bipartitismo aperto” volto ad attivare quella virtuosa enucleata dinamica “concorrenza aperta” indispensabile a poter contrastare l’insorge di sempre nuove quanto vecchie speculative autoreferenzialità rappresentate talora da mono, tal’altra da oligopoli, trust, ecc!
    Diversamente se non si cambierà si rischierà di rimanere sempre più o meno volutamente vittime degli eventi, per l’inadeguatezza dei modelli in dotazione quanto per la scarsa memoria storica giacché per effetto di dette creatività speculative, non ultima quella globalmente pervasiva della finanza altrettanto creativa, si continua per inadempienza sistemica ed inosservanza delle regole, a restare inesorabilmente vittime di una siffatta regressione e recessione dove l’irresponsabilità sarà demandabile alla solita mancanza di effettiva concorrenza che permette come ha dimostrato permettere d’ingenerare facili collusioni per far innescare le solite viziose speculative autoreferenzialità! Inadeguatezze, insufficienze che obbligano a doverne far pagare le conseguenze sempre al solito Pantalone! Specialmente quando queste, vi si s’aggiungono facili indulti e/o compensativi autoreferenziali lodi, quali indifferibili costanti prerogative a tutela del mantenimento inalterato di un siffatto sempre più patologico procedere. Totalmente in contraddizione a quanto questa nostra nuova diversa realtà sempre più complessa, diversificata, competitiva ed aperta al punto tale da risultare liquida pretenderebbe soluzioni sistemiche elastico flessibili per meglio sintonizzarvisi!
    Specialmente anche per l’aspetto elettorale istituzionale attingendo a nuovi paradigmi quanto il SEMIALTERNO permetterebbe in modo più dinamico elastico e flessibile assolvere per indurre e riprodurre una virtuosa efficienza e rendere più efficace il sistema paese nel suo insieme rendendo chiare e trasparenti le regole tali da ingenerare governabilità – decisionalità quanto contestualmente rappresentatività, economicità gestionale implementando una più responsabile sussidiarietà!
    Serve un vero cambiamento per invertire il trend regressivo in corso giacché, come Paese pur dimostrando di possedere più del 60% del patrimonio artistico mondiale stiamo in continuazione perdendo “appeal turistico” e posizione strategica dove, in pochi anni siamo passati dal primo al quinto posto nella classifica questo essenzialmente dimostrato dalla scarsa attenzione che prestiamo nella gestione del nostro territorio. Rispetto a quando rappresentavamo il Giardino d’Europa ora, in pochi anni abbiamo dimostrato di non rispettarlo in alcun modo sciupandolo irrispettosamente assecondando ogni tipo d’esigenza. Questo prioritariamente per conseguenza di una continuativa creativa urbanizzazione strettamente lasciata alla creativa speculazione d’assalto priva d’ogni effettivo sistemico organico controllo dove inesorabilmente si continua a regredire per l’eccessiva spinta d’urbanizzazioni talora, superflua rispetto ad ogni effettiva esigenza, specialmente fregandosene delle possibilità di riutilizzo degli spazi abbandonati da immobili disabitati o dismessi caseggiati e capannoni che restano in balia degli eventi e del degrado i dati sono incontrovertibilmente lì, a dimostrarlo. Ed anziché riutilizzare detti spazi si predilige sprecarne di nuovi togliendoli al verde, all’agricoltura quando incontrovertibilmente prossimamente queste diverranno sempre più strategiche. E così facendo ineluttabilmente, sempre nuovi inquinamenti si aggiungeranno e si accumuleranno rispetto ad ogni visione di una crescita più sostenibile e compatibile!
    Questo è il salto di qualità che si rende necessario per riscattarsi dall’obsolescenza plutocratica che diversamente continuerà imperterrita a riproporre sempre il suo solito ricorsivo proposito ripristinando il suo solito gioco dell’oca in vario o diverso modo alla “bipartisan” (se indotto da modalità meramente maggioritarie centripete) od alla “polipartisan” (quando per effetto inverso -centrifugo – venga indotto in dissipazione dal proporzionale) inconcludenza che non possono che richiamare a mettere a punto attraverso una nuova sistemica articolazione meccanismi più virtuosi quanto con il sistema SEMIALTERNO si propugna! Giacché le novità si ottengono assemblando in modo inedito le cose del passato! (Monod) Pertanto, il sistema SEMIALTERNO “è” un sistema a leader implicito in quanto non necessariamente richiede di essere direttamente eletto e la sua peculiarità consiste nel fatto che su una base a “mandata elettorale”(consultazione a turno unico) PROPORZIONALE PURA, (la cui purezza dipende da come si ritagliano i collegi, ovviamente, più ampia sarà la circoscrizione maggiore risulterà la proporzionalità, più piccola diventerà la circoscrizione, più grande sarà lo spreco dei voti, agendo indirettamente così a mo’ di fattore di soglia!

  151. pirro Says:

    RE: # Masc Says:
    Aprile 9th, 2009 at 6:27 pm

    Enzo Boschi, insigne geologo, direttore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia scredita Giuliani e dice: “….. Se gli avessimo dato retta, probabilmente avremmo evacuato la città di Sulmona portando le persone proprio a L’Aquila, creando in questo modo i presupposti per una tragedia ancora più grande”.

    RISPOSTA:
    CHE RAZZA DI GEOLOGO E’ BOSCHI?
    AVREBBE FATTO EVAQUARE SULMONA PORTANDO LE PERSONE A L’AQUILA!!!!!!!!!
    L’AQUILA, UN’ALTRA ZONA SISMICA.

    SAREBBE STATO PIU RAGIONEVOLE PORTARLI DENTRO LE TENDE.

    Mi viene da pensare che il vero incompetente è Boschi
    Boschi forse salverebbe un uomo da un incendio dicendogli: “Mettiti in salvo lì, vicino a quel distributore di benzina”

  152. Paolo Piochi Says:

    Anche se non ho molta dimestichezza con la fisica e con le varie correlazioni esistenti in materia tellurica, la questione che sta sollevando il Signor Giuliani mi sta affascinando non poco. Soprattutto ho molta fiducia in questo uomo così semplice che pur non disponendo di grossi mezzi – così mi è sembrato di capire – è riuscito a scoprire qualcosa di straordinario, mettendosi perfino in gioco contro i potenti i quali, invece, non hanno nemmeno l’umiltà di saper ascoltare e confrontarsi. Un tale comportamento, per i non addetti ai lavori come il sottoscritto, porterebbe perfino a pensare che ci sia qualcuno che abbia interessi a tutelare le proprie rendite di posizione e chissà quali e quanti altri interessi personali. E’ mai possibile che quest’uomo venga oggi contattato da tutte le parti del mondo (America, Russia, Bulgaria, Inghilterra, ecc.) per partecipare a convegni e per approfondire i vari aspetti del problema con i luminari del pianeta e qui da noi viene trattato al pari di un giullare se non peggio? Come possiamo dimenticare che in questa tragica circostanza ci sono stati circa trecento morti e non pensare poi al pesante disagio che dovrà ancora sopportare la popolazione aquilana per la ricostruzione del proprio territorio?. E se ci trovassimo davvero di fronte ad un altro Galilei del secolo 2000?

  153. Prevedere i terremoti si può? Sì. No. Forse : Giornalettismo Says:

    [...] 24 ore e una efficienza maggiore dell’80%….” (intervista su Donne Democratiche, 24 marzo 2009 [...]

  154. giuliana g Says:

    Spero tanto che la sua ricerca venga incentivata, prof. Giulianii.Mi interesserebbe sapere se sta conducendo studi sul terremoto che potrebbe investire la Sicilia orientale ed in questo caso vorrei sapere se i risultati delle sue ricerche sono disponibili su un sito. Grazie

  155. giuliana g Says:

    Spero tanto che la sua ricerca venga incentivata, prof. Giuliani. Mi interesserebbe sapere se sta conducendo studi sul terremoto che potrebbe investire la Sicilia orientale ed in questo caso vorrei sapere se i risultati delle sue ricerche sono disponibili su un sito. Grazie

  156. Un ingeniero italiano predijo con antelación el terremoto en L’Aquila « Francis (th)E mule Science’s News Says:

    [...] fue entrevistado en el blog italiano Donne Democratiche el 24 de marzo, “Intervista a Giampaolo Giuliani, al suo Radon e al suo Precursore sismico (di Roberta Galeotti),” donde afirmó que a finales de marzo se produciría un terremoto de escala 4 cerca de [...]

  157. Giò Says:

    Ma scusino tanto: Giuliani ha detto solo che lo sciame sismico sarebbe finito entro fine marzo = errore colossale! …e volete fargli un monumento? Ma l’avete letto l’articolo???

  158. mariacristina Says:

    ciao a tutti…sono una ragazza di Casoli…ieri sera il 17/04/09 fuori casa mia erano presenti fuori dal cortile tantissimi lombrichi neri,ho letto gia’ in alcuni siti che sono preavviso di terremoti a una distanza di circa25-30 giorni dall’avvenimento sismico..non so mi piacerebbe sapere di piu sull’ argomento.Il giorno prima del forte sisma presentato all’aquila avevo notato sempre una forte presenza invece di lumache senza chioccia…non so cosa significhi e se puo’ essere relazionato col corportamento di questi animali.Se qualcuno sa dirmi di piu’ sull’ argomento a me farebbe piacere.
    grazie mariacristina

  159. antonella Says:

    Volevo semplicemente dire che nessun umano ha il diritto di non farci credere a quello che vogliamo..quindi chi crede che i gas radon possano darci un utile preavviso di un avvenimento sismico,perche’ permettere di fermare le ricerche e sopratutto, per chi ci crede molto in queste ricerche,dove è possibile ricevere o informarsi sulla situazione attuale di questo gas radon sprigionato dalla crosta terreste,per sapere in anticipo quando questo gas sta per diventare pericoloso???.Chi puo rispondere a questa mia domanda???Penso che in molti si stiano chiedendo nel Aquilano e in tutto in l’ Abruzzo.Chi è interessato ad avere risposte a questa mia spontanea domanda??????

  160. Mimmo Says:

    Non è la prima volta che, chi non riesce ad emergere, per farlo, affossa gli altri.
    Vorrei sapere il link al sito dove vengono pubblicati i dati del radon rilevati da Giuliani.

  161. Luigi Says:

    Sono uigi di Teramo , Mi associo ad “antonella Says”: ed a ” Mimmo Says”: , anche io vorrei il link dove ossevare i dati e le ricerche di Giuliani ???? grazie .

  162. daniela bocchieri Says:

    sono una sicliana di ragusa prof.giuliani e volevo chiederle info e indicazioni sul nostro territorio che so essere molto a rischio sismico. Io ho apprezzato la sua teoria e le anticipo che a ragusa, specie nel modicano si fa la rilevazione del gas radon. Ragusa fu rasa al suolo nel 1693. Io sono molto preoccupata e le chiedo inidcazioni e di mettersi in contatto con me il mio indirizzo e mail è daniboc@alice.it. Credo fermamente nella collaborazione di tutte le forze prima che avvengano i disastri non dopo. Grazie

  163. daniela bocchieri Says:

    vorrei anche io il link dove consultare i dati sulla rilevazione del gas radon del prof.giuliani grazie

  164. Gioacchino Giuliani stroncato da Science: “difficile trovare alcunché di buono nel suo lavoro” | AleksFalcone.Org Says:

    [...] marzo, in una intervista pubblicata sul blog in lingua italiana “Donne Democratiche” (www.donnedemocratiche.com/?p=2219) raccontò come, con due colleghi, avesse cominciato ad occuparsi di previsione dei [...]

  165. aldo Says:

    ma perchè si deve dare ascolto a certi apprendisti stregoni?????????

  166. aldo Says:

    ho letto l’aqrticolo di Giuliani.
    dati lacunosi e soprattutto è completamente fuori da ogni logica, come quando vede un terremoto da 2.5 nel tirreno meridionale in cui ce ne sono stati 500 in un mese….
    non vede le scosse più forti e nemmeno quelle che avvengono in abruzzo.
    poi il radon lo rilascia, al limite, una faglia prima di muoversi e non circola per decine di km nella crosta per arrivare al Gran sasso, partendo addirittura da zolle diverse…
    via… siamo seri….

  167. Ale Finlandia Says:

    Se Giuliani, come dicono questi TDC è lacunoso, leggete qui: http://www.unonotizie.it/4837-terremoto-abruzzo-valutazioni-di-tecnici-specialisti-su-variazioni-flussi-radon-in-previsione-del-sisma.php
    Deborah Ripa e Andrea Mantovano sono Tecnici Radon qualificati riconosciuti dalla provincia di Viterbo
    E ancora: http://www.primadanoi.it/modules/bdnews/article.php?storyid=20458
    Mirta Morrone è laureata in Geologia, specializzata in Geofisica e dottore di ricerca in Geodinamica all’Università di Bologna.
    Vergognatevi a denigrare Giuliani senza alcuna base scientifica per farlo! Servi!

  168. gabriella Says:

    Desidero sapere cosa ci sia di vero nella notizia diffusa circa l’eventuale previsione da parte del sig. Giuliani di un evento sismico che dovrebbe interessare l’area del beneventano per i giorni 24 e 25 maggio p.v. Gradirei una risposta per potermi tranquillizzare. Grazie

  169. antonio Says:

    Da:
    http://peppecaridi2.wordpress.com/2009/05/05/terremoto-il-giallo-della-faglia-di-paganica-20-anni-fa-tre-ricercatori-la-individuarono-ma-non-furono-creduti/#comment-3994
    ……………………………………………………………
    Egregi Signori,
    e proprio l’atteggiamento dei geologi che di fronte ai terremoti e’ improntato al fatalismo e alla rassegnazione a far si` che ci siano tali fatalita`. Ripetono continuamente che i terremoti non sono prevedibili e costringono la gente a crederci.Mi trovo perfettamente d’accordo con il D’Epifanio. I baroni della geologia non accettano che altri possano avere qualche dubbio ancor piu` se giovani, e se le loro idee minano il pensiero dei baroni. Esempio ultimo potrebbe essere il Giuliani, che tecnico come me a volte non riesce a convincere esprimendosi sopratutto perche` non avvezzo alle presentazioni e interviste. Potrebbe essere tutto sbagliato il metodo Giuliani ma visto che una previsione molto precisa e` stata fatta cominciamo a studiare quello che ha fatto ,gli daremo del cretino dopo non prima,se ha sbagliato. E la previsione era molto precisa perche` ha previsto il terremoto catastrofico una settimana prima ed a 50 km di distanza. Lo chiedo a voi baroni ci ripetete che la geologia, oggi, puo’ fare previsioni attendibili solo su periodi medio lunghi e su aree estese. E quelle previsioni erano su aree e tempi sismici lunghi? NO erano su tempi e distanze sismiche vicinissime checche` se ne dica nei dibattiti fatti ad incompetenti che possono mandare anche al patibolo una persona.
    Adesso mi prendere per pazzo ma vi dico che basta vedere la storia sismica e l’evoluzione dei terremoti degli ultimi mesi per capire che potrebbe verificarsi qualcosa ancora ,certo non mi e` dato di sapere quando e dove di preciso. E non ripetete che perche` ci troviamo in zona sismica e siccome il terremoto non e` prevedibile dichiarare cio` e` fare terrore. E non ripetete che le faglie sono diverse e non interagiscono se lontane. Ditelo che le faglie e` come se lavorassero in sinergia tra loro. In tutti i casi visto che anche io sono convinto alla fine che e` difficile prevedere in modo preciso voi che siete i luminari ,antipate le catasctrofe,cominciate a convincere i vostri benefattori politici che bisogna fare una politica di rinforzo di tutti gli edifici e non il 20% in piu` ,almeno non solo quello. Istambul ,dopo il terremoto di 10 anni lo ha fatto. Noi stiamo sempre indietro,solo chiacchiere e le case cadono con le persone dentro. Per essere cinici quanti ne avremmo potuto salvare con una politica costruttiva ad’oc, quanto avremmo speso di meno rispetto al ricostruire di oggi. Attenti se si va in guerra pensando al peggio forse riesce bene. Almeno cio` persano i guerra fondai che almeno una volta hanno ragione.
    Antonio

  170. Nunzio Sauta Says:

    Cari Signori,
    sapevate -ad esempio- che quando il fondo di una pentola brontola, prima o poi qualcosa in superficie succederà? in questo caso mi sembra che brontoli un po troppo. Non Vi sembra che -forse- sia giunta l`ora di evaquare tutta la zona per svariati kilometri quadrati? prima che sia troppo tardi; però nessuno ha voglia di spostarsi, possiamo dire allora, sia fatta la volontà della forza naturale? Oppure (non si muova foglia che Dio non voglia)
    Scuate, avete mai pensato che, niente potra succedere dal niente, non pensate che tutto questo possa essere il vero segnale di qualcuno molto più alto di tutto e tutti? perche sinsiste a voler ricostruire e costruire, su una pezzo di territorio destinato -forse- a sc…………., Un terremoto succede quando sotto -nella profondità- un certo movimento di spostamento si verifica, il che dopo continua con piccole scosse insignificanti, si dice scosse di assestamento, e che questa volta non sia il caso che possa esserlo.
    Quante volte, abbiamo sentito dire, che, nuove terre in mare aperto emergono oppure scompaiono.
    Senza voler offendere nessuno, la saggiezza a parer mio non esiste, perche non è stata mai scoperta.
    Dovremmo da sempre, esaminare tutto il negativo naturale che ci si presenta per accrescere la conoscenza della saggezza con coscenza.
    Io non sono un religioso, anche perche nella vita imparai a non fidarmi tanto del mio simile che pretende che io dica o sia come desidera lui, però, sento da sempre, che qualcosa di grande, di maestoso regna su di noi e con noi, in altre parole, una forza sconosciuta che non sappiamo definire; cerchiamo di seguirla, di capire cosa possa essere, potremmo prevedere l`inprevedibile, senza essere tanto testardi, ammorbidiamoci (forse sarà questa La Saggezza?) chi può dirlo!
    Abbiamo il coraggio di diffidare sia l`Ottimismo che dal così detto Pessimismo, non usiamolo soltanto per le cose che ci fanno più comomodo, ma per tutto l`Universalità del “TUTTO”
    Non sono soltanto le madonne che piangono a dare dei segnali -ammesso chè…………..-
    ma anche quella forza sconoscuta che s`ipatronisce di noi, e che noi non vogliamo ascoltare.
    Riflettiamo, chi siamo, chi ci sia sopra di noi, perche siamo sordi e ciechi, tante volte penso con orrore al nostro errore di esserci.
    Non aspettare, credere, agire, muoversi, spostarsi, non insistere; la ruggine dell`ignoranza che abbiamo accumulato dovremmo cominciare a rimuoverla. Crediamo in quello che nessuno ha mai visto e che nessuno mai ne possa constatare la sua vra e propria esistenza, però che molti tra noi sente come richiamo, non ciarlatanesco, ma perche lo constatiamo.

    Cara Redazione leggo che il “E-Mail” -non sarà reso noto- per quale motivo, essere aperti non significa auto-condannarsi, chi può dire che non si può quello che ognuno di noi vuol dire, non Vi sembra che siamo lontani dall`Inquisizione? che anche il vangelo di Tommaso sia stato definito “Eretico” purche gli errori fatti restino nel buio? Ansi direi di consigliare di leggere anche il II° libro della retorica di “Aristotele” così possiamo capire meglio quanta “Ipocrisia” ci sia nella commedia che si cerca di recitare in vita.
    Scusatemi, siamo più realisti. Il falso non deve essere divulgato, magari si, se questo servirebbe a migliorare le oscure incertezze, scusandosi dopo per averlo fatto.
    Da un famoso detto “Essere o non Essere”
    Con simpatia, nusadi (nunzio sauta)

  171. Imprevisti e probabilità « Says:

    [...] è normale rimanere come imbambolati dallo choc. Poi quando ho letto questo articolo sono rimasta basita, allora ho cominciato a rubare minuti al sonno per approfondire la questione, per quanto è [...]

Lascia un commento



Newsletter

Categorie

Ultimi articoli